DONA ORA

Fondazione CARF

6 Maggio, 24

Un giorno nella vita di Nostra Signora

Approfittando del mese di maggio, il mese della Vergine Maria. Francisco Varo Pineda ci trasporta nella Nazareth della Vergine Maria e nella sua routine quotidiana. Pieno di sacrifici quotidiani. I compiti con cui si è presa cura di Gesù e si è santificata giorno per giorno.

San Luca racconta nel suo Vangelo che l'angelo Gabriele fu inviato da Dio a Nazareth (cfr. Lc 1, 26), a una vergine di nome Maria, per annunciarle che sarebbe stata la madre del Messia, il Salvatore, che tutti gli Ebrei aspettavano.

La Nazareth della Vergine Maria

Circa duemila anni fa, Nazareth era un villaggio sconosciuto a quasi tutti sulla terra. A quel tempo la Roma imperiale risplendeva di splendore. C'erano molte città prospere sulle rive del Mediterraneo. Il viavai di mercanti e marinai inondava molte strade e piazze delle città portuali o degli empori commerciali. Nazareth, d'altra parte, era una manciata di povero case situate su promontori rocciosi nella Bassa Galilea. Anche nella sua regione non aveva una grande importanza.

La città di Sepphoris, dove si concentrava la maggior parte dell'attività commerciale della zona, era a poco più di due ore di cammino. Era una città prospera, con edifici ricchi e un certo livello di cultura. I suoi abitanti parlavano greco e avevano buone relazioni con il mondo intellettuale greco-latino. A Nazareth, invece, vivevano alcune famiglie ebree, che parlavano l'aramaico.

La maggior parte degli abitanti si dedicava all'agricoltura e all'allevamento, ma c'era anche un artigiano come José, che con il suo ingegno e il suo impegno forniva un buon servizio ai suoi concittadini facendo lavori di carpenteria e di fabbro.

La casa della Vergine Maria

La casa di Maria era modesta, come quella dei suoi vicini. Aveva due stanze. La stanza interna era una grotta che fungeva da granaio e dispensa. Tre pareti in adobe o in muratura attaccate alla roccia di fronte a quella stanza interna sostenevano un'intelaiatura di rami, legno e foglie che fungeva da tetto e formava la stanza esterna della casa. La luce entrò dalla porta. Lì avevano alcuni strumenti di lavoro e pochi mobili. Gran parte della vita familiare si svolgeva all'esterno, sulla porta di casa, magari all'ombra di una vite che aiutava a mitigare il calore estivo.

Quasi tutti i suoi vicini avevano una casa simile. Gli scavi archeologici hanno portato alla luce parti dell'antica Nazareth. Le case sfruttavano le numerose grotte presenti nel terreno per costruirvi una cantina, un silo o una cisterna, senza grandi modifiche. Il pavimento è stato appiattito un po' davanti alla grotta e questo recinto è stato chiuso con pareti elementari. È possibile che le famiglie abbiano utilizzato il pavimento di questa stanza per dormire.

Pozo de la Virgen Maria 1

Il Pozzo di Maria è il luogo in cui l'angelo Gabriele apparve alla Vergine Maria e le annunciò che avrebbe dato alla luce il Figlio di Dio. Si trova nell'attuale Nazareth, nel nord di Israele.

Preghiere del mattino

La giornata è iniziata con l'alba. Alcuni preghiera semplice, come lo Shema, e il lavoro duro è iniziato immediatamente. Lo Shema è una preghiera, tratta dalla Bibbia, che inizia in ebraico con questa parola e recita così: "Shema Israel (Ascolta o Israele), il Signore nostro Dio è un solo Signore. Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua forza. Conservi nel suo cuore queste parole che le dico oggi. Li inculchi ai suoi figli e li parli loro sia a casa che in viaggio, sia che si corichi che si alzi. Li leghi alla sua mano come segno, li metta sulla sua fronte come segno. Scrivile sugli stipiti della tua casa e sulle tue porte" (Dt 6, 4-9).

La Vergine Maria e la preparazione del cibo

Uno dei primi compiti da svolgere ogni giorno, dopo la preghiera, era la preparazione del pane, il cibo di base di ogni giorno. Per fare questo, Maria, come facevano le donne, avrebbe iniziato macinando il grano o l'orzo per ottenere la farina. Sono stati ritrovati alcuni mulini domestici in pietra dell'epoca di Nostro Signore che venivano utilizzati per questo compito.

La farina veniva poi mescolata con acqua e un po' di sale per formare l'impasto, al quale veniva aggiunto un pizzico di lievito - tranne che durante la festa di Pasqua. L'impasto fermentato veniva utilizzato per preparare torte o panini molto sottili, che venivano cotti in forno o seppelliti nella brace e consumati appena sfornati.

Il pasto quotidiano sarebbe abbastanza simile a quello che conosciamo oggi nelle regioni mediterranee. Il pane veniva spezzato con le mani, senza usare il coltello, e veniva mangiato da solo o con l'olio, accompagnato da vino, latte, frutta e, quando possibile, da carne o pesce. Il latte veniva solitamente conservato in otri fatti di pelli di capra cucite, e veniva bevuto direttamente da essi. È molto probabile che sia aspro quando viene bevuto. Il latte veniva utilizzato anche per produrre burro e formaggio, che erano alimenti base dove c'era il bestiame, come in Galilea.

Nazareth Vergine Maria
Nazareth, di nostra Madre la Vergine Maria all'inizio del XX secolo.

Un altro elemento importante nella dieta di queste persone era l'olio. Mangiavano anche olive conservate in salamoia. L'olio veniva portato con sé anche quando si viaggiava, in piccole bottiglie piatte di argilla dalla forma simile a quella di una borraccia. Era anche comune bere vino, che tendeva ad essere forte e quindi veniva solitamente bevuto con acqua, e talvolta mescolato con spezie o addolcito con miele.

Tra gli stufati più comuni c'erano quelli di ceci o di lenticchie. Le verdure più popolari erano fave, piselli, porri, cipolle, aglio e cetrioli. La carne più comunemente consumata era quella di agnello o di capra, e un po' di pollo. I frutti più comuni erano fichi, datteri, angurie e melograni. Le arance, oggi così abbondanti nella zona, non erano ancora conosciute nella Galilea dove viveva Santa Maria.

Prima di mangiare ogni giorno, si recitavano delle preghiere per dare Grazie a Dio per il cibo ricevuto dalla sua bontà. La benedizione della tavola era più o meno in questi termini: "Benedetto sei tu, Signore, Dio nostro, Re dell'Universo, che ci hai dato oggi da mangiare il pane, frutto della terra". E la risposta è stata: "Amen".

I compiti quotidiani di Maria

Per soddisfare le esigenze della famiglia, un lavoro duro che doveva essere svolto ogni giorno era il trasporto dell'acqua. La sorgente di Nazareth si trovava a una certa distanza, a poco più di quindici minuti di cammino dalle case del villaggio. Probabilmente Maria si recava lì ogni mattina per riempire la sua brocca e tornava a casa portandola sulla testa, come si usa fare nella zona, per continuare il suo lavoro. E alcuni giorni potrebbe dover tornare nelle vicinanze in altri momenti della giornata per lavare i vestiti.

Trasporto dell'acqua e lavaggio del bucato

Gli abiti che Maria doveva lavare erano quelli indossati da lei, Giuseppe e Gesù. L'indumento abituale consisteva in un indumento intimo largo e aderente o in una tunica, che di solito era fatta di lino. Cadeva sulle ginocchia o sui polpacci. Può essere senza maniche o con maniche fino a metà braccio. La tunica era fissata al corpo con una specie di cintura, fatta di una lunga e larga striscia di lino, che veniva avvolta più volte intorno al corpo, ma non sempre veniva stretta in modo regolare; in alcune di queste fasce si formavano delle pieghe, che potevano essere utilizzate per trasportare denaro. Sopra la tunica si indossava l'indumento esterno, o mantello, di forma quadrata o arrotondata e solitamente realizzato in lana.

La maggior parte dei giorni di Mary erano, senza dubbio, del tutto normali. Trascorreva molte ore nelle faccende domestiche: preparava il cibo, puliva la casa e i vestiti, e persino tesseva la lana o il lino e confezionava i vestiti necessari per la sua famiglia.

Arrivava esausta alla fine della giornata, ma con la gioia di chi sa che questi compiti apparentemente semplici hanno una meravigliosa efficacia soprannaturale, e che facendo bene il suo lavoro stava svolgendo un compito di prima grandezza nella vita di tutti i giorni. Lavoro di redenzione.


Francisco Varo Pineda
Direttore della Ricerca presso la Facoltà di Teologia dell'Università di Navarra.
Professore di Sacra Scrittura.

UNA VOCAZIONE 
CHE LASCERÀ IL SEGNO

Aiutare a seminare
il mondo dei sacerdoti
DONA ORA

Articoli correlati