Fondazione CARF

5 Febbraio, 24

Blog

parroco

Otto modi per aiutare il suo parroco

I nostri parroci sono alcuni dei membri più impegnati della Chiesa. Aiutare il suo parroco può essere un modo significativo per contribuire al loro lavoro pastorale e alla trasmissione della fede. si è mai chiesto come può sostenerli?

Il parroco e il sacerdoti La responsabilità pastorale di coloro che lavorano con lui è grande, per non parlare del fatto che oggi viene chiesto loro di prendersi cura di più anime e di assumere più responsabilità e più ruoli che mai. Pertanto, qualsiasi supporto fornito loro può alleggerire il loro carico di lavoro e permettere loro di concentrarsi sulle esigenze spirituali dei loro comunità. Se ogni fedele facesse una sola cosa per aiutare la vita della Chiesa, il lavoro del parroco sarebbe molto più facile.

Quali sono le responsabilità pastorali di un parroco e come può aiutare la comunità?

Se non si è mai chiesto come può aiutare, ecco otto modi per farlo. Ma tenga presente che la prima raccomandazione è quella di incoraggiarla a offrire il suo aiuto. Non aspetti che le venga chiesto se può fare qualcosa, ma si offra! Offrire il suo tempo alla parrocchia è un segno di sostegno e di servizio. 

1 - L'impegno risveglia il suo senso di responsabilità!

Prima che il Il Concilio Vaticano IIIn passato, tutte le responsabilità e la gestione della parrocchia dipendevano solo dal parroco. Grazie al Vaticano II, non abbiamo più scuse per impegnarci nel compito di diffondere la Parola di Dio. 

Dal Battesimo siamo incorporati a Cristo e partecipiamo a modo nostro ai tre ministeri, sacerdotale, profetico e regale. Così la nostra presenza e la nostra vocazione sono costitutive del Popolo di Dio, insieme a quella dei sacerdoti. La nostra partecipazione comunitaria alla vita della Chiesa è indispensabile per la sua esistenza e, allo stesso tempo, per la nostra identità e missione cristiana.

È quindi necessario partecipare attivamente alla celebrazione dei sacramenti, accogliere l'annuncio apostolico della fede con cuore obbediente e testimoniarlo. Vivere i propri doni e compiti nella piena comunione della Chiesa. Questo non solo ci prepara a scoprire un rapporto più profondo con Cristo, ma ci dà anche una maggiore responsabilità come laici per la nostra stessa fede. Chiesa e la comunità in cui viviamo. 

2 - Perché la partecipazione attiva alla liturgia è importante per sostenere i sacerdoti?

Il Concilio Vaticano II ci insegna anche che la Santa Messa deve essere il centro e la radice della vita cristiana. In ogni Eucaristia, la presenza di Cristo risorto diventa un sacramento di comunione e la fede condivisa si trasforma in un banchetto fraterno e in un nutrimento di vita. A tal fine, dobbiamo intraprendere modi e azioni che ci aiutino a vivere tutte le parti delle nostre celebrazioni. In questo modo adempiremo al comando di Gesù di "fare come Lui" e faremo in modo che tutta l'assemblea "prenda parte" all'Eucaristia.

"La Santa Madre Chiesa desidera ardentemente che tutti i fedeli siano portati a quella partecipazione piena, consapevole e attiva alle celebrazioni liturgiche che la natura stessa della liturgia richiede, e a cui il popolo cristiano ha il diritto e l'obbligo, in virtù del battesimo". 
Documenti del Vaticano II, Costituzione Sacrosanctum Concilium (SC), 14.

Per promuovere la partecipazione attiva, può rispondere con forza, essere un lettore, un servitore dell'altare o persino un cantore durante le celebrazioni. Questo alleggerisce il carico del sacerdote in Spagna e aiuta la liturgia a scorrere senza intoppi.

3 - Come posso contribuire al benessere del mio parroco in Spagna?

Dobbiamo prenderci cura del nostro parroco e dei suoi sacerdoti collaboratori, perché sono pochi e il bisogno del loro ministero è grande. Il sovraccarico di lavoro e l'incomprensione di molti possono portarli all'esaurimento o alla frustrazione. preghiera e accompagnamento amichevole è un servizio che dobbiamo fornire aprendo le porte delle nostre famiglie e delle nostre attività in modo da dare loro il riposo e la vicinanza che si tradurranno in un servizio migliore per tutta la comunità.

4 - Preghiera per il parroco e i sacerdoti.

I sacerdoti hanno bisogno delle vostre preghiere per continuare il loro lavoro pastorale. Faccia sapere loro che non sono soli. Si prenda del tempo per pregare per il parroco e per i sacerdoti. sacerdoti della sua parrocchia, pregando per il loro benessere, la saggezza e la forza nel loro ministero. 

Anche se non lo chiedono, hanno bisogno delle sue preghiere per essere confortati e per continuare la loro missione. Faccia sapere loro, attraverso la preghiera, che contano su di lei e che non sono soli. Che le nostre preghiere diano loro la forza di superare gli ostacoli, la fedeltà al magistero e il coraggio di spingere il cambiamento in tutto il mondo. Sa quando è il compleanno del suo pastore? Il suo anniversario di ordinazione sacerdotale?

5 - Qual è l'impatto della partecipazione ai gruppi parrocchiali sulla vita della comunità?

I gruppi parrocchiali sono associazioni formate da membri di una parrocchia che condividono interessi, obiettivi o attività comuni. Questi gruppi sono orientati alla pratica e alla vita della fede e di solito mirano a promuovere la comunità, la crescita spirituale e la partecipazione attiva dei fedeli alla vita della parrocchia.

Il Consiglio Pastorale Parrocchiale, presieduto dal parroco, studia tutte le questioni riguardanti il lavoro pastorale della parrocchia e in comunione con la Chiesa diocesana. Ogni gruppo e i diversi ruoli pastorali sono rappresentati in questo Consiglio, e la sua missione principale è quella di collaborare con il parroco nella programmazione delle attività. La sua attività inizia poco prima dell'inizio dell'anno scolastico, a settembre, e termina dopo l'ultimo atto ufficiale dell'anno scolastico, a giugno. 

Le persone interessate a sviluppare la loro vocazione specifica nella Chiesa possono unirsi al gruppo parrocchiale più vicino alle loro preoccupazioni umane o cristiane. Chieda al suo parroco.

parroco

6 - Come posso collaborare efficacemente alla catechesi della mia parrocchia?

Come scrive Papa Francesco, il Signore ci chiama "ciascuno di noi, con le proprie risorse spirituali e intellettuali, con le proprie competenze professionali o esperienze di vita, e anche con i propri limiti e carenze, a sforzarci di trovare il modo di collaborare di più e meglio nell'immenso compito di porre Cristo al vertice di tutte le attività umane".Christus Vivit, 162).

Il ministero laico del catechista è una vocazione, una missione. Essere un catechista significa è un catechistanon che lavora come catechista. Si tratta di un intero modo di essere, e abbiamo bisogno di buoni catechisti che siano sia accompagnatori che pedagoghi.

Abbiamo bisogno di persone creative che annuncino il Vangelo, ma che lo annuncino con la loro vita, con dolcezza, con un nuovo linguaggio e aprendo nuove strade. E in tante diocesi, in tanti continenti, l'evangelizzazione è fondamentalmente nelle mani di un catechista. 

7 - Faccia parte del gruppo Caritas della sua parrocchia.

L'esercizio della carità fa parte della nostra missione di cattolici. La Caritas parrocchiale è gestita da un gruppo di volontari che individuano i bisogni della comunità parrocchiale. 

Una volta identificati i bisogni e raccolte le risorse, gli aiuti vengono distribuiti direttamente alle persone bisognose. Può trattarsi di cibo, articoli per l'igiene, abbigliamento, assistenza finanziaria e altro ancora.

Bisogna tenere conto dell'importanza dell'azione delle Caritas diocesane e parrocchiali e dei loro sforzi per garantire l'accesso ai diritti di base come l'alimentazione, la casa, la salute e l'istruzione per le persone più vulnerabili.

La Caritas parrocchiale può anche fornire assistenza in situazioni di emergenza, come disastri naturali o crisi economiche improvvise. Collabora con altre organizzazioni e agenzie locali che offrono servizi complementari, come rifugi di emergenza, centri di collocamento, servizi sanitari, tra gli altri.

8 - Raccolta di fondi

Può anche aiutare finanziariamente. Con molto o poco. Sporadicamente o mensilmente, trimestralmente, semestralmente o annualmente. Inoltre, le donazioni effettuate alle fondazioni o alle organizzazioni soggette alla Legge sul mecenatismo comportano detrazioni fiscali per i donatori. Il costo dell'importo effettivamente donato è molto inferiore all'importo ricevuto dall'istituzione. Lo stesso vale, ovviamente, per le donazioni fatte alla parrocchia e alla diocesi.

Questo è anche il caso di organizzazioni come la Fondazione CARF, che sostengono il lavoro dei sacerdoti e promuovono la loro formazione. Perché anche i sacerdoti hanno bisogno di essere formati e di aggiornarsi sugli insegnamenti della Chiesa e sulle modalità di assistenza alle persone.

Si ricordi che il suo aiuto alla parrocchia e il suo sostegno al suo pastore e ai sacerdoti possono fare una grande differenza nella vita della parrocchia e nella vita del pastore. È sempre bene parlare con il parroco o con il personale della parrocchia per conoscere le loro esigenze specifiche e il modo migliore per contribuire.

Condividere il sorriso di Dio sulla terra.

Assegniamo la sua donazione a un sacerdote, seminarista o religioso diocesano specifico, in modo che lei possa conoscere la sua storia e pregare per lui con nome e cognome.
DONA ORA
DONA ORA