DONA ORA

Fondazione CARF

20 Maggio, 24

Blog

Joseph Dinh Quang Hoan

Il sacerdote vietnamita Joseph Dinh studia per formare seminaristi nel suo Paese

Joseph Dinh Quang Hoan è un sacerdote della diocesi di Thai Binh, una delle più piccole del nord del Vietnam. È nato in questa stessa città il 3 febbraio 1989, e oggi si trova a Roma per conseguire la Licenza in Teologia (specializzazione in Liturgia) grazie all'aiuto dei benefattori della Fondazione CARF.

Joseph è nato in una famiglia cattolica multigenerazionale che gli ha trasmesso una fede vera e forte. "Sono cresciuto circondato dall'amore dei miei genitori, dei parenti e della mia comunità religiosa di circa 100 cristiani", dice.

Il sogno di diventare sacerdote fin dalla giovane età

Come altri bambini, ha trascorso la maggior parte della sua infanzia nel parco giochi della chiesa. Era un chierichetto nella sua parrocchia, quindi ha potuto sperimentare da vicino la celebrazione della Santa Messa in molte occasioni. Questo lo ha spinto molto giovane a voler vivere la vita consacrata come sacerdote. "Ho mantenuto il sogno di diventare sacerdote nelle mie preghiere per molto tempo. 

In seguito, ha lasciato la sua città natale per la città più grande del Vietnam, Saigon, situata nel sud del Paese. Lì ha studiato per quattro anni presso l'Università Nazionale del Vietnam. Durante il periodo di studio, divenne più chiaramente e fermamente consapevole della sua vocazione interiore. E questo è ciò che pensava: "Voglio essere un sacerdote diocesano per poter servire in pace le persone nella terra in cui sono nato e cresciuto".

Il sacerdote Joseph Dinh Quang Hoan

Formazione sacerdotale

Dopo aver terminato l'università, è tornato a partecipare al programma di formazione sacerdotale diocesano, prima di proseguire gli studi ufficiali presso il Seminario di San Giuseppe ad Hanoi, la capitale del Vietnam.

"Durante gli otto anni di seminario, ho sempre cercato di studiare diligentemente per acquisire conoscenze, oltre che per formarmi per acquisire la migliore vita spirituale e umana, preparandomi per il mio ministero pastorale in futuro", racconta.

Dopo essersi diplomato al Gran Seminario di Hanoi, è tornato nella sua diocesi di Thai Binh ed è stato ordinato sacerdote nel 2021, durante la pandemia di Covid. Il suo vescovo lo ha mandato a occuparsi di una parrocchia rurale. "Ero molto felice di poter vivere e prendermi cura dei fedeli che mi erano stati affidati come parroco", dice Joseph Dinh Quang Hoan.

Un sacerdote che sogna Roma

Dopo un po' di tempo, il suo vescovo lo mandò a studio per Roma con l'intenzione di prepararsi alla missione di formare nuovi seminaristi diocesani. "Questo è anche ciò che ho sempre desiderato: andare a Roma, la città eterna e capitale della Chiesa cattolica, per ampliare le mie conoscenze e aprire nuovi orizzonti culturali, che mi saranno molto utili per i miei compiti professionali nel campo della formazione dei seminaristi", afferma con entusiasmo.

A Joseph Dinh studiare e risiedere in Roma non è solo il suo sogno, ma anche quello di molti credenti vietnamiti. "Per noi, il Vietnam è un Paese con molte difficoltà economiche.visitare Roma non è così facile. Infatti, la mia diocesi di Thai Binh sta costruendo un seminario maggiore, chiamato Seminario Maggiore del Sacro Cuore di Thai Binh.

Il seminario ha bisogno di molti insegnanti di varie materie. La sua diocesi ha anche più di cento seminaristi importanti che studiano nel seminario diocesano al momento. Pertanto, Joseph Dinh Quang Hoan è ancora più consapevole della sua responsabilità di studiare in questa bellissima terra.

Vuole studiare il più possibile per poter tornare a servire la Chiesa nella formazione dei seminaristi della sua diocesi.

Grazie alla Fondazione CARF!

Per tutti questi motivi, è molto grato ai benefattori della Fondazione. Fondazione CARF per avergli reso possibile studiare al Pontificia Università della Santa Croce (PUSC) di Roma. "Si tratta di una grazia e di un sostegno significativo e molto importante per me e anche per la mia diocesi", afferma. 

Inoltre, racconta che anche il suo vescovo diocesano è stato molto grato e felice di sentire la buona notizia che aveva ricevuto una borsa di studio dalla PUSC, grazie alla Fondazione CARF. 

Si congeda da tutti i benefattori: "Vorrei ringraziare sinceramente tutti i benefattori che mi hanno generosamente sostenuto finanziariamente per permettermi di vivere e studiare a Roma. Prego e ricordo sempre coloro che mi hanno aiutato nel mio cammino verso una vita consacrata e una buona istruzione.


Gerardo Ferrara
Laureata in Storia e Scienze politiche, specializzata in Medio Oriente.
Responsabile degli studenti della Pontificia Università della Santa Croce a Roma.

UNA VOCAZIONE 
CHE LASCERÀ IL SEGNO

Aiutare a seminare
il mondo dei sacerdoti
DONA ORA