Fondazione CARF

1 marzo, 23

Testimonianze di vita

"Mi sono allontanato dal Signore, ma Lui non si è mai allontanato da me".

"La mia priorità era il piacere. Avevo soldi per i miei vizi e libertà di movimento, ma c'era qualcosa che mi lasciava insoddisfatto e non mi lasciava in pace. L'11 aprile, Giornata della Divina Misericordia, decise di aprire il suo cuore a Gesù e di convertirsi a Lui". Ora è un novizio delle Serve della Casa della Madre e si sta preparando a diventare sacerdote, studiando grazie alla Fondazione CARF.

Una testimonianza di conversione in un'infanzia serena, in una famiglia cristiana.

Davide racconta la sua testimonianza di conversione: è nato a Brescia, nel nord Italia, nel 1999. I suoi genitori lo hanno cresciuto nella fede fin dall'infanzia e hanno frequentato ambienti cattolici. Ha dei bei ricordi della sua infanzia: "la catechesi, la Messa domenicale dove aiutavo come chierichetto e le tante partite di calcio sul campo della parrocchia. Grazie a Dio posso dire di aver avuto una bella infanzia".

Nel 2013, sua madre ha iniziato a frequentare le riunioni settimanali offerte dalla Ancelle della Casa della Madre -che era arrivato in parrocchia nel 2010 - e dove ci sono state molte testimonianze di conversione. Da queste incontri il clima spirituale nella casa iniziò a crescere. Nello stesso anno, fu organizzato il primo incontro con le Ancelle aperto ai giovani. Fu il primo di molti altri che seguirono nel corso degli anni.

L'amarezza di allontanarsi da Dio

All'età di quindici anni iniziò ad allontanarsi dalla vita di grazia, il che lo portò a prendere decisioni poco sagge. Inoltre, l'immaturità tipica della sua età non lo aiutò. Guidato da alcuni compagni di classe, iniziò a odiare Dio e Nostra Madre: "... era un figlio dello Spirito Santo, ed era un figlio dello Spirito Santo.Ho iniziato a bestemmiare e a non andare a Messa la domenica senza che i miei genitori lo sapessero".. Il suo rendimento scolastico ha iniziato a calare. "Sono arrivato a metà marzo con 6 materie su 11 fallite. Sono passato dall'essere un ragazzo felice e spensierato a sperimentare una profonda tristezza e amarezza, che si è facilmente trasformata in rabbia. Una rabbia che spesso sfogavo sulle persone che mi amavano di più: i miei genitori". Tuttavia, la vicinanza dei suoi genitori è stata decisiva. Gli hanno offerto un'opportunità che avrebbe influenzato il suo futuro per sempre.

Toccato dalla grazia: una testimonianza di conversione

Nel 2015 i suoi genitori lo hanno invitato a trascorrere un periodo a Las Presillas (Spagna) con le Serve della Casa della Madre. Ha accettato la proposta come un'alternativa migliore al dover passare l'estate a studiare. "Mi sono trovato vivere in una casa con 7 persone religiose, Ero in un Paese straniero, non conoscevo la lingua, non conoscevo lo stile di vita, non apprezzavo il cibo e nei momenti di preghiera mi addormentavo o pensavo ai toporagni.

Improvvisamente, La grazia di Dio ha toccato il suo cuore. Ha iniziato a vedere quanto fosse bello vivere in questa comunità, ad apprezzare la Messa quotidiana e le ore sante, a pregare il rosario per Nostra Signora con gusto e amore e a godere della gioia della vita comunitaria. Tornando a vivere nella grazia, "la pace, la serenità e l'entusiasmo sono tornati nel mio cuore". Etimologicamente, entusiasmo significa "vivere in Dio". Aprendomi al Signore e a Nostra Madre, ho iniziato a sentirmi sempre più attratta da questo modo di vivere. Il prezzo di ciò a cui dovevo rinunciare sembrava meno importante di ciò che stavo acquisendo.

Dopo quattro mesi tornò in Italia convinto di aver scoperto ciò che voleva veramente fare nella vita. Tuttavia, la sua testimonianza di conversione non finisce qui. "Ho commesso l'errore di credere che avrei potuto vivere come voleva il Signore, ma senza il Signore. Non capivo ciò che Gesù ci ricorda nel Vangelo, ovvero che Senza di Lui non possiamo fare nulla. È così che ho iniziato un percorso che mi ha portato di nuovo lontano da Dio.

La mia priorità era il piacere

Gradualmente abbandonò la preghiera e si lasciò assorbire dalle proposte del mondo. All'età di 17 anni ha iniziato a fumare hashish e marijuana. L'effetto di queste sostanze ha scatenato in lui la gioia che aveva sempre desiderato provare. Ma ben presto si trasformò da un modo per divertirsi alle feste a una necessità. Quando ha compiuto 18 anni, poteva bere nei bar senza problemi. "Aspettavo con ansia il fine settimana per potermi divertire con i miei amici. Nonostante tutto, non ha mai smesso di partecipare alle riunioni delle Serve della Casa Madre. Anche se non voleva ammetterlo, la sua anima desiderava riposare nel Signore.

Con questo stile di vita, "la mia priorità era il piacere". Lo studio passava in secondo piano. Fu bocciato di nuovo e i suoi genitori presero in mano la situazione. Fu mandato a lavorare per la maggior parte dell'estate in una fabbrica. come manovale, sperando che l'esperienza lo aiutasse a maturare. A settembre tornò a scuola e finalmente si diplomò il 17 giugno 2020. Il 6 luglio era già al lavoro. "Mi piaceva il lavoro e c'era una buona atmosfera tra i miei colleghi. Avevo tutto ciò che desideravo da anni: denaro per i miei vizi e libertà di movimento e di orari. Tuttavia, c'era qualcosa che mi lasciava insoddisfatta. Avevo costantemente la sensazione che mancasse qualcosa e questo pensiero diventava sempre più fastidioso. Non mi lasciava in pace.

L'aiuto della Divina Misericordia

L'11 aprile 2021, Giornata della Divina Misericordia, stanca di questa situazione interiore che si trascinava da mesi, "ho preso la decisione più importante della mia vita: aprire il mio cuore a Gesù. Così ho iniziato un viaggio di discernimento con un sacerdote Lo sapevo da anni. La mia priorità divenne allora quella di tornare in contatto con Dio e con Nostra Madre: ripresi la Messa quotidiana, la preghiera personale - soprattutto il Rosario - e la lettura di libri che potessero aiutarmi a crescere spiritualmente.

"Tuttavia, il testo che mi ha aiutato di più è stato Il trattato sulla vera devozione a Maria di San Luigi Maria Grignion de Monfort. Hanno influito molto sulla mia conversione anche la vita e la vocazione di Suor Clare Crocket delle Ancelle e i video vocazionali e per i giovani trasmessi dalla nostra televisione. HM TVdella Fondazione EUK Mamie. Questo cambiamento mi ha permesso di descrivere ciò che Dio voleva per la mia vita: essere Servo della Casa della Madre".

Il 2 ottobre 2021, all'età di ventuno anni, Davide entrò tra i Servi come postulante.

Una vita senza Dio è una vita che non vale la pena di vivere.

"Ora ogni giorno provo una gioia incommensurabile e un'esultanza nello Spirito. È quasi impossibile trovare le parole giuste. Questa è la mia testimonianza di conversione. Non è un cammino facile, ma è un cammino felice, come direbbe San Paolo VI. Posso solo consigliare a tutti di non lasciare mai Dio fuori dai propri progetti. Solo in Lui c'è gioia e speranza. Una vita senza Dio è una vita che non vale la pena di essere vissuta".

Gerardo Ferrara
Laureata in Storia e Scienze politiche, specializzata in Medio Oriente.
Responsabile degli studenti della Pontificia Università della Santa Croce a Roma.

Condividere il sorriso di Dio sulla terra.

Assegniamo la sua donazione a un sacerdote, seminarista o religioso diocesano specifico, in modo che lei possa conoscere la sua storia e pregare per lui con nome e cognome.
DONA ORA
DONA ORA