DONA ORA

Fondazione CARF

13 Maggio, 20

Il coaching spirituale: ne abbiamo bisogno

In questa primavera, il Vangelo ci presenta una scena di campagna: un gregge che pascola in pascoli verdi e un uomo che lo cura. Si tratta di un'immagine antica nelle culture del Vicino Oriente: presentare il re come un 'pastore', cioè come qualcuno che guida alla ricerca di cibo e protegge il suo popolo.

Già nell'Antico Testamento il profeta Ezechiele aveva parlato di Dio come pastore di Israele: Questo dice il Signore Dio: Io stesso cercherò il mio gregge e lo nutrirò. (Ez 34,11).

Gesù il Buon Pastore

Le parole di Gesù sono provocatorie per chiunque conoscesse bene il testo di Ezechiele: 11 Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la vita per le sue pecore. 12 Il salariato, colui che non è un pastore e al quale le pecore non appartengono, vede arrivare il lupo, abbandona le pecore e fugge - e il lupo le prende e le disperde, 13 perché è un salariato e non si preoccupa delle pecore. 14 Io sono il buon pastore, conosco i miei e i miei conoscono me. (Gv 10:11-14). Si presenta come il buon pastore, cioè assume come suo compito ciò che è proprio di Dio. E con una generosità e un dono di sé senza limiti, fino a dare la vita. Questo è ciò che ha fatto sulla croce e ciò che abbiamo celebrato nella Settimana Santa.

Ognuno di noi, è giusto dire, è una "pecora intelligente", ma una "pecora" che ha bisogno di aiuto, di qualcuno che ci difenda, di qualcuno che ci conosca e ci ami e che ci guidi. Il Signore si prende cura di noi e ci guida utilizzando persone vicine a noi che ci aiutano ad ascoltare la Sua voce. Questo è ciò che nella tradizione della Chiesa si chiama "direzione spirituale" o "accompagnamento spirituale". Tutti ne abbiamo bisogno.

Gesù non rivelò i suoi piani direttamente a Paolo al momento della sua conversione. Quando Paolo gli chiede: Cosa devo fare? Lui risponde: Alzati e vai a Damasco; lì ti sarà detto tutto quello che devi fare.. Lì chiese a uno di quei primi cristiani, di nome Anania, di spiegargli tutto e di accompagnarlo in quei primi momenti della sua vita cristiana. Sicuramente Paolo le avrebbe parlato in tutta sincerità di ciò che era dentro di lui, e lei ascoltò attentamente le sue parole nello spirito di imparare e mettere in pratica ciò che le suggeriva. Anania lo avrebbe aiutato a mettere in pratica le sue buone disposizioni.

Conversazione Francisco Varo 1

Don Francisco Varo en la Parroquia.

Seguendo l'esempio di San Paolo

Ognuno di noi deve fare lo stesso. Può essere utile incontrare un sacerdote con cui possiamo parlare in profondità di tutto ciò che ci riguarda, in modo che possa guidarci, incoraggiarci e anche amministrare il sacramento della confessione per mantenere le nostre anime pulite e ben disposte, piene di forza per quella grande battaglia di amore e di pace che è la vita cristiana.

Le squadre di calcio hanno bisogno di un allenatore, un 'coachman' che abbia esperienza e che riunisca i punti di forza della squadra. Politici, artisti, uomini d'affari hanno il loro "coach" personale, un esperto che dà loro idee e consigli su come avere successo nelle loro attività professionali. Un motivo in più per cui tutti noi abbiamo bisogno di un buon "allenatore" che ci guidi nella nostra vita spirituale...

L'aiuto che possono darci coloro che ci accompagnano lungo il cammino è molto vario: ci apriranno orizzonti; ci guideranno nella formazione di un criterio cristiano retto che si manifesterà nel lavoro, nell'ambiente familiare, nelle difficoltà ordinarie... affinché la nostra vita rifletta le meraviglie del Signore; ci incoraggeranno nei momenti di scoraggiamento o di difficoltà...; avranno parole di incoraggiamento e consigli che ci daranno fermezza.

También, con su experiencia, nos puede señalar los obstáculos que encontremos en la vida interior y nos ayudará a superarlos, de modo que la gracia de Dios pueda actuar a fondo en nuestros corazones; nos indicará los medios más adecuados para crecer en el amor a Dios; corregirá con prudencia las posibles desviaciones que se puedan presentar en nuestro camino; nos acompañará en los momentos de desconcierto o de especial dificultad; nos ayudará y animará siempre en la lucha interior; nos alentará a ser fermento en medio del mundo, allí donde las ha situado el Señor…

In queste conversazioni personali, ci aiuteranno anche a condividere questi sentimenti di Cristo per aiutare tutti, per essere uomini come gli Apostoli, che portano la buona notizia del Vangelo in tutta la terra.

Come possiamo fare buon uso di questo mezzo di formazione cristiana?

Prima di tutto, se possibile, dovremmo fissare un giorno e un'ora fissa ogni settimana, per esempio, per avere questa conversazione con il sacerdote... e dovremmo fare in modo di vederci regolarmente, superando qualsiasi imprevisto o cambiamento di programma. Con WhastsApp è molto facile modificare un po' l'appuntamento, se necessario, per non perdere nessuna conversazione.

Ci aiuterà anche a prepararla bene, facendoci conoscere in modo che possano aiutarci meglio. Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore. -Gesù dice. Il pastore deve conoscere la situazione reale così com'è, con i suoi punti di forza e di debolezza, per darci la prescrizione più appropriata.

E andare con il desiderio di ascoltare e di imparare, per conoscere meglio Gesù: e le mie pecore mi conoscono.

Inoltre, chi è una buona "pecora" comincia ad essere un "buon pastore" che collabora con Gesù nel suo compito: Ho altre pecore che non sono di questo ovile; anch'esse devo condurre, e ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge con un solo pastore. (Gv 10:16). Ci sono molti che sono lontani da Dio, un po' o molto abbandonati nella loro vita cristiana, e Gesù vuole raggiungere anche loro, e conta sulla collaborazione dei cristiani, di ognuno di noi, affinché anche loro possano trovare la via della felicità.

Facciamo delle risoluzioni concrete: parlo tranquillamente con un sacerdote ogni settimana? Se no, con chi e quando potrei incontrarmi per iniziare? Sono totalmente sincero, in modo che mi conoscano bene e mi aiutino? Mi sto impegnando ogni giorno per mettere in pratica i consigli che ricevo?

Noteremo da vicino la paternità di Dio. Anche la cura materna di nostra Madre la Vergine, che non esiterà a ottenere la grazia di Dio di cui abbiamo bisogno, quando vedrà che mettiamo in atto i mezzi appropriati da parte nostra. Le chiediamo di aiutarci a mettere in pratica i buoni desideri che il Signore ha messo nel nostro cuore oggi.

D. Francisco Varo Pineda
Director de Investigación de la Facultad de Teología en la Università di Navarra y profesor de Sagrada Escritura. Publicado en "Diálogos para comprender".

UNA VOCAZIONE 
CHE LASCERÀ IL SEGNO

Aiutare a seminare
il mondo dei sacerdoti
DONA ORA

Articoli correlati