DONA ORA

Fondazione CARF

2 novembre, 20

Blog

Thomas More, martire dell'individualità?

Un uomo per tutte le stagioni non vuole evocare un santo, anche perché Bolt non si considerava un cristiano. Il Moro di Bolt è un uomo caratterizzato da un energico senso di individualità, della propria identità. Per il suo modo di comprendere il mondo, è disposto a perdere la vita.

Lo spettacolo: Un uomo per l'eternità

Il settembre 1960 vide la pubblicazione di un'opera teatrale che aveva trionfato sul palcoscenico di Londra durante l'estate. Si trattava di A Man for All Seasons di Robert Bolt, che fu presto sul palcoscenico americano e fu il film più premiato con l'Oscar del 1966. In Spagna ha ricevuto il titolo impreciso di Un uomo per l'eternità. È un'espressione di Erasmo da Rotterdam, un amico di Tommaso Moro, il protagonista dell'opera, che l'umanista olandese descrisse come un "uomo per l'eternità". "Un uomo per tutte le ore, che si adatta alla serietà come alla felicità, e la cui compagnia è sempre piacevole".

Autore: Robert Bolt 

(1924-1995), ha iniziato la sua carriera professionale in una compagnia di assicurazioni, ha studiato storia a Manchester e ha insegnato in una scuola del Devon. Ha poi abbandonato l'insegnamento dopo il successo dei suoi copioni radiofonici e delle sue opere teatrali, anche se è meglio conosciuto come sceneggiatore di Lawrence d'Arabia, Il dottor Zivago e La figlia di Ryan, tre dei suoi film più famosi. film di David Lean. Ciò che accomuna queste storie sono personaggi incapaci di venire a patti con la loro realtà e che sfidano le condizioni della loro esistenza, indipendentemente dal prezzo che devono pagare. Sono disposti a mantenere la propria individualità, a prescindere da tutto.

In seguito, il nome di Bolt si è eclissato, condizionato dai limiti di una malattia e da una vita sentimentale e familiare burrascosa. Tuttavia, il suo ultimo momento trionfale sarebbe stata la sceneggiatura di The Mission (1986) di Roland Joffé.

San Tommaso Moro

L'inglese Robert Bolt (1924-1995) insegnò in una scuola del Devon, ma abbandonò l'insegnamento dopo il successo delle sue sceneggiature, tra cui Lawrence d'Arabia, Doctor Zhivago e The Mission.

I personaggi di Bolt's Moor

Non è stato concepito per evocare un santo, anche perché Bolt non si considerava un cristiano e per un certo periodo ha simpatizzato per un santo. comunismo idealizzato. Il Moro di Bolt è un uomo caratterizzato da un energico senso di individualità, della propria identità. Per il suo modo di comprendere il mondo, è pronto a perdere la vita.

L'autore apprezza il fatto che sarebbe stato facile per lui mantenere i suoi onori mettendo la mano su un libro rilegato in nero e pronunciando "una banale bugia". Al contrario, gli altri cortigiani, che circondano Tommaso Moro, sono opportunisti, bugiardi e corrotti, disposti a fare qualsiasi cosa per rimanere al vertice. I ritratti dei vescovi Wolsey e Cranmer, o dei nobili Cromwell e Norfolk sono devastanti, ma il ritratto di Enrico VIII lo è meno.

Il re appare sul palco solo una volta. È un uomo giovane, gentile e ben educato, che apprezza sinceramente Moro e si rammarica che la sua opinione sul divorzio reale non coincida con la sua.

 

Enrico VIII appare sulla scena una volta. È un uomo giovane, gentile e ben educato, che è affezionato a Moor e si rammarica che non siano d'accordo sul divorzio. 

Gli attori

Alcuni sostengono che l'attore Paul Scofield non fosse adatto a interpretare Moor. È troppo serio per un cristiano bonario come il Lord Cancelliere d'Inghilterra. In realtà, il problema risiede nella visione che Bolt ha di More. Ha ragione a fare uso del passo del Vangelo su quanto sia utile per un uomo guadagnare il mondo intero, se poi perde la sua anima (Mt 16, 26), anche se Bolt potrebbe aver voluto sostituire l'individualità, il modo specifico di essere, con l'anima.

Ma se c'è qualcuno che è ripugnante nell'opera, più per Bolt che forse per More stesso, è Richard Rich, un giovane arrivista che si muove intorno al Lord Cancelliere nella speranza di ottenere un incarico. Non riuscendo a raggiungere il suo scopo, si unisce all'entourage di Cromwell, che lo premia fin dall'inizio, e testimonia persino contro More nel suo processo davanti al Parlamento.

Conclusioni

Consiglio agli insegnanti e ai non insegnanti di leggere o guardare il dialogo tra Rich e More all'inizio dell'opera. A Rich viene offerto un posto come maestro di scuola, con una casa propria e una rendita annuale di 50 sterline. Ma il giovane, affamato di fama e onori, considera questa offerta di Moor insignificante, perché equivale a una vita segnata dalla mediocrità. Nessuno saprà che è un grande insegnante, tranne i suoi allievi e i suoi amici. È più attraente dedicarsi alla politica, nonostante il rischio di cadere in tentazione, cosa che Moro voleva evitare con il suo consiglio.

Antonio R. Rubio Plo
Laureato in Storia e Legge
Scrittore e analista internazionale
@blogculturayfe / @arubioplo

UNA VOCAZIONE 
CHE LASCERÀ IL SEGNO

Aiutare a seminare
il mondo dei sacerdoti
DONA ORA