Fondazione CARF

29 Gennaio, 24

Testimonianze di vita

sacerdote

"Anche se è difficile, Signore, la mia vita è tua".

Jorman è rimasto solo in Venezuela dopo che le sue sorelle e i suoi genitori sono partiti per la Colombia. Ma, prima della sua partenza e con infinito amore, i suoi genitori hanno trascorso un ultimo Natale con lui. Lo accompagnarono anche quando entrò nel seminario propedeutico della diocesi di Cabimas. Jorman Rafael Cáceres aveva allora 22 anni e fu accolto a braccia aperte nel seminario della sua diocesi. 

Jorman è l'unico ragazzo della sua famiglia, il più giovane di tre sorelle. I suoi genitori avevano deciso di emigrare in Colombia, quando furono sorpresi dalla sua intenzione di entrare in seminario per diventare sacerdote. Gli dissero che, se fosse rimasto a VenezuelaAnche loro sarebbero rimaste nel Paese. "Ma ho detto loro che era meglio che raggiungessero le mie sorelle in Colombia, perché si trovavano in una situazione economica difficile. 

Non è facile dire di sì a Dio 

Il tuo famiglia è ora molto orgogliosa di lui. Sono cattolici e, sebbene all'inizio sia stata una sorpresa, lo hanno sostenuto nella sua decisione, convinti che dire sì a Dio non sia una risposta facile. Ma Jorman non è sempre stato così chiaro. 

Prima di entrare nella seminarioHa attraversato diverse fasi. Il suo processo vocazionale è stato progressivo. Iniziò da bambino, quando fu coinvolto nelle opere pontificie del suo Paese, in Infanzia missionaria. Negli anni della giovinezza è stato coinvolto in Missione Giovanidove era il coordinatore diocesano della pastorale giovanile. 

Nella Missione Giovani, sentiva che Dio voleva che Lo servisse, che rinunciasse a tutto per Lui, ma non voleva ascoltare la Sua voce. Perciò, per soffocare la voce di Dio, preferiva incontrare alcune ragazze, come passare da una fidanzata all'altra. Finché non ha condiviso con una di loro il suo desiderio di entrare in seminario. Se non era il suo desiderio, sarebbero tornati insieme. Lei lo sosteneva incondizionatamente, un gesto molto importante per Jorman. 

Gli effetti della pandemia 

Durante la pandemia, la voce di Dio è risuonata più forte nel suo cuore. "La tranquillità a casa con la mia famiglia mi rendeva inquieta dentro. Mi ero lasciata alle spalle la frenesia della mia vita e avevo tempo e calma per ascoltare Dio. È stato allora che ho deciso di iniziare il mio processo professionale in un online". 

In seguito, durante un ritiro vocazionale, continuava a ripetere che si facesse la volontà di Dio: "Ti ho evitato molto, Signore, ma anche se mi costa la vita, è la tua". Fu un periodo di dubbi, che vennero fugati quando il rettore del seminario gli chiese se voleva finalmente diventare seminarista. "Ho detto sì e ho immaginato il sì di Maria. Poi tutta la terra si è fermata, c'era un silenzio totale intorno a me. 

"Conto solo sulla tua forza". 

Il primo anno di seminario fu molto duro. Era tormentato dalla tristezza e dai dubbi. Era molto stanco e si sentiva lontano dalla sua famiglia. Durante un'Ora Santa si arrese a Dio: "Sia fatta la tua volontà, non ho forze, conto solo sulle tue". Chiese un segnale. Avevo bisogno di sapere se Dio voleva davvero che diventassi sacerdote. 

Qualche giorno dopo, il Vicario Generale della diocesi gli disse: "Il vescovo ti ha scelto per studiare all'Università di Navarra e per soggiornare nel Seminario di Bidasoa in Spagna". In quel momento, la luce spazzò via la sua angoscia. Era sotto shock. "Non mi vedevo in grado di studiare in Spagna, ma mi è venuto in mente che questo era il segno che avevo chiesto a Dio. Così ho accettato. 

Il sogno di Dio 

Ora, all'età di 25 anni, si ritrova nella Seminario internazionale Bidasoa realizzando il suo sogno e "la Sogno che Dio ha per me. Dio ha dei sogni per tutti e noi dobbiamo solo accettarli e riceverli. 

È convinto che il suo sì a Dio e alla formazione La formazione completa che sta ricevendo a Pamplona contribuirà ad aiutare la popolazione di Pamplona. Venezuela. "Nel mio Paese, la Chiesa cattolica sta mediando come canale di dialogo di fronte alla polarizzazione delle persone e delle istituzioni. Ma, soprattutto, con la pastorale sociale e accompagnando i fedeli affinché non siano indifesi nelle loro lotte". 

I sacerdoti del 21° secolo 

E il fatto è che i giovani sacerdoti del 21° secolo hanno una missione molto specifica, ognuno nel proprio destino. Per Jorman, devono essere "creativi e ingegnosi, con un'ottima formazione dottrinale e una profonda vita interiore", in grado di trasmettere ciò che hanno ricevuto in modi e metodi nuovi.

"Credo che le principali difficoltà per un sacerdote oggi risiedano nel trovare modi efficaci per entrare in contatto con le persone in una società sempre più secolarizzata e digitalizzata". 


Marta SantínGiornalista specializzato in informazione religiosa

Condividere il sorriso di Dio sulla terra.

Assegniamo la sua donazione a un sacerdote, seminarista o religioso diocesano specifico, in modo che lei possa conoscere la sua storia e pregare per lui con nome e cognome.
DONA ORA
DONA ORA