DONA ORA

Fondazione CARF

11 ottobre, 23

sacerdote comunione e liberazione

Quando Dio la chiama e lei non ascolta

Il Signore le diede il pungolo del sacerdozio quando era giovane, ma Simone chiuse gli occhi e le orecchie. Ci sono voluti molti anni e molte esperienze prima che decidesse di lasciare tutto per Gesù Cristo.

YouTube video

Simone Moretti si prepara ad essere sacerdote della Fraternità San Carlo Borromeo, appartenente al carisma di Comunione e Liberazione, studia presso la Pontificia Università della Santa Croce a Roma. È nato nel 1988 in una famiglia cattolica che lo ha cresciuto nella fede. Come molti giovani di oggi, dopo aver ricevuto il sacramento della Cresima, ha lasciato la Chiesa. Non vedeva il collegamento tra la fede e la vita concreta. 

L'incontro con il Signore 

Tuttavia, il Signore non lo lasciò e uscì per incontrarlo di nuovo. Lo riportò indietro in un'attività di Comunione e liberazione (CyL) quando era ancora un adolescente. Quell'esperienza ha segnato la sua vita. Un'estate fu invitato a un campo in montagna da Juventud Estudiantil, il gruppo giovanile di CyL. 

In questa comunità, partecipando ai campi, ai ritiri e alla vita comunitaria, ha anche visto e sperimentato un'intensità di vita che lo ha affascinato. 

Scoprire la Chiesa cattolica attraverso la comunione e la liberazione  

Col tempo si rese conto che la fonte di questa vita intensa era la fede. Partecipando alla vita del movimento, vide che il rapporto con Dio, che si era incrinato, riacquistava la sua consistenza e acquisiva vigore e forza. Grazie a questo incontro, ha riscoperto il suo rapporto con Gesù ed è tornato alla Chiesa, un luogo in cui Gesù Cristo gli ha teso la mano e lo ha accompagnato

"E se Dio volesse che io diventassi sacerdote?"

È stato in questa atmosfera di fede, preghiera e amicizia che Simone ha pensato per la prima volta alla sacerdozio. Un giorno, durante la Messa in parrocchia, si è immaginato al posto del sacerdote durante l'omelia, pensando a cosa avrebbe potuto dire. Dopo la Messa, ha avuto la sensazione che questa immagine non fosse una coincidenza. 

Con questa idea in testa, andò da sua madre, colei che gli aveva trasmesso la fede. E le chiese: "E se Dio volesse farmi diventare sacerdote, perché io non voglio! La sua saggia risposta gli trafisse il cuore: "Pensa che Dio possa chiederle di fare qualcosa contro la sua felicità? 

Durante gli anni successivi del liceo, la gioia e la felicità di quell'incontro con Cristo crebbero, grazie anche a un pellegrinaggio alla Madonna Nera di Częstochowa, in Polonia, dove incontrò per la prima volta alcuni sacerdoti di San Carlo Borromeo, la fraternità di Comunione e Liberazione.

Studi di fisica

Con quel seme nel cuore, ha iniziato gli studi universitari in fisica, partecipando alle attività e alla formazione con altri membri di Comunione e Liberazione. In questa realtà della Chiesa, ha forgiato alcune delle sue amicizie più profonde, tutte unite dal legame con Cristo. 

In quegli anni ha potuto sperimentare come la fede in Gesù avesse a che fare con tutto: con lo studio, con le lezioni universitarie, con le amicizie, e come rendesse tutto più bello e vero. Come dice una frase di Romano Guardini, Nell'esperienza di un grande amore, tutto ciò che accade diventa un evento nella propria sfera. 

L'amico che ha rinunciato a tutto per Cristo 

E poi arrivò un altro punto di svolta nella sua vita. Dio non avrebbe lasciato la sua mano. Verso gli ultimi anni di università, un L'amico gli disse che intendeva dare tutta la sua vita a Cristo. Ed è stato allora che le è passato per la testa e per il cuore che lui potesse fare lo stesso. All'inizio, la cosa non le piaceva: lui aveva altri progetti, una fidanzata...

Ha cercato di continuare con il suo progetto di vita, ma il Signore ha continuato a bussare alla porta del suo cuore. Non lo lasciava in pace. Così ha rotto con la sua ragazza ed è andato in Spagna per fare un dottorato in fisica, pensando che il pungolo di Dio sarebbe scomparso. Poi ha lavorato all'università ed è diventato ricercatore e dottore di ricerca in fisica in Spagna.

Ma il pungiglione del Signore non se ne sarebbe andato.... 

sacerdote comunione e liberazione

Alla ricerca di una strada da percorrere

"Durante tutto questo tempo, tuttavia, ho continuato a chiedere al Signore di aiutarmi, di accompagnarmi. Soprattutto, gli ho chiesto di mostrarmi la strada e di darmi la forza di seguirla. Spesso mi venivano in mente le Sue parole: "Che cosa giova a un uomo se guadagna il mondo intero e poi perde se stesso? 

Simone aveva tutto ciò che poteva desiderare: un buon lavoro che le piaceva, un buon stipendio, un'altra ragazza, ma più ignorava l'invito del Signore, più tutte le cose che aveva perdevano il loro sapore. 

Alla fine, si è arresoHo deciso di affrontare questo invito del Signore che è stato così paziente con me e ha aspettato così a lungo, non smettendo mai di chiamarmi con dolcezza. Così sono entrata nella seminario e ho finalmente sperimentato la pace di rispondere al Signore, la pace e la gioia di dirgli ogni giorno "Eccomi", puntando tutto sulla Sua fedeltà e sulla Sua grazia.


Gerardo Ferrara
Laureata in Storia e Scienze politiche, specializzata in Medio Oriente.
Responsabile del corpo studentesco della Pontificia Università della Santa Croce a Roma.

UNA VOCAZIONE 
CHE LASCERÀ IL SEGNO

Aiutare a seminare
il mondo dei sacerdoti
DONA ORA