DONA ORA

Fondazione CARF

5 ottobre, 23

Nostra Signora del Pilastro

Virgen del Pilar a Saragozza: cosa si festeggia?

Il 12 ottobre si celebra il giorno di Nostra Signora la Vergine del Pilar. La Spagna, Saragozza e Hispanidad la commemorano.

Patrona della Hispanidad, della città di Saragozza e anche di Email e il Guardia Civil. Migliaia di pellegrini di tutte le nazionalità vengono a pregare la Virgen del Pilar a Saragozza, dove si trova la Cattedrale-Basilica.

Saragozza, tutto l'anno, ma soprattutto durante le feste del Pilar, è la città da cui emerge l'unione nazionale e universale. Da quando Colombo aprì le porte del Nuovo Mondo nel 1492, i valori cristiani si sono diffusi nelle nazioni dell'America, dell'Africa e dell'Asia, ora unite dal solido pilastro di un passato comune, di una lingua comune e di una cultura comune tanto ricca quanto diversa.

Nostra Signora del Pilastro

Qual è la storia della Virgen del Pilar?

Come riportato nei documenti del XIII secolo conservati nella cattedrale di Saragozza, la storia risale al periodo immediatamente successivo all'Ascensione.

Nell'anno 40 d.C., gli Apostoli avevano iniziato a svolgere la missione di predicare il Vangelo. Ognuno cerca una parte del mondo.

I documenti affermano che Santiago, "passando per le Asturie, arrivò con i suoi nuovi discepoli attraverso la Galizia e la Castiglia, fino all'Aragona, il territorio chiamato Celtiberia, dove si trova la città di Saragozza, sulle rive dell'Ebro".

L'apostolo cominciò a vedere che la civiltà era incredibilmente dura. Era molto difficile far arrivare le parole del Vangelo a queste persone, così Giacomo cominciò a scoraggiarsi quando vide che i suoi sforzi non stavano dando frutti.

Ma nella notte del 2 gennaio 40 d.C., Giacomo, che stava riposando con i suoi discepoli presso il fiume Ebro nella romana Caesaraugusta, che era il nome dato da Roma all'odierna Saragozza, sentì improvvisamente le voci degli angeli che cantavano "Ave, Maria, gratia plena" e la Vergine apparve in piedi su un pilastro di marmo".

Il Beata Verginechiese all'apostolo di costruirgli una chiesa in quel luogo, con l'altare intorno alla colonna dove si trovava, e promise che avrebbe "Questo luogo rimarrà fino alla fine dei tempi, affinché la potenza di Dio possa operare meraviglie e prodigi attraverso la mia intercessione per coloro che nelle loro necessità implorano il mio patrocinio".

La Vergine scomparve e il pilastro rimase lì. L'apostolo Giacomo e gli otto testimoni iniziarono a costruire una chiesa in quel luogo. Ma prima che fosse terminata, Giacomo ordinò uno dei suoi discepoli come sacerdote per servirla, la consacrò e le diede il titolo di Santa Maria del Pilar, prima di tornare in Giudea. Questa fu la prima chiesa dedicata in onore della Beata Vergine.

Anni dopo...

Papa Clemente XII era a conoscenza di questa devozione e stabilì il 12 ottobre come giorno in cui si celebra la festa della Vergine del Pilar.

Il 12 ottobre 1492, Cristoforo Colombo mise piede in America per la prima volta, chiarendo così che esiste un mondo oltre l'Hispania. Per questo motivo, a Nostra Signora del Pilastro è affidata l'Ispanità, perché l'evangelizzazione delle nuove terre è stata posta sotto il suo manto.

La devozione del popolo è così profonda tra gli spagnoli, e da tempi così remoti, che la Santa Sede ha permesso l'istituzione dell'Ufficio del Pilastro, in cui l'apparizione della Vergine è registrata come "un'antica e pia credenza".

Nostra Signora del Pilastro

La città di Saragozza e la Basilica di Nostra Signora del Pilar, la sua patrona

La Basilica del Pilar sorge sulle rive dell'Ebro a Saragozza. La sua costruzione è iniziata in epoca rinascimentale, ha attraversato il periodo barocco e si è conclusa nel XVIII secolo con soluzioni neoclassiche.

All'interno della basilica si trova la Santa Capilla de Nuestra Señora del Pilar, una magnifica teca che racchiude il pilastro su cui la Vergine del Pilar apparve all'apostolo Santiago e che è stata venerata dai visitatori nel corso dei secoli. Questo pilastro è rivestito di bronzo e argento e contiene una statuetta che rappresenta la Vergine del Pilar, con un imponente manto e il Bambino Gesù in braccio.

L'immagine della Vergine

L'intaglio della Vergine non raggiunge il quaranta centimetri. Le sue linee sono tardo gotiche e dal modo in cui la tunica è abbottonata, la cintura con la fibbia, la vita alta e le scarpe, potrebbe essere datata al XV secolo.

La figura del Bambino tiene un uccellino in una mano e con l'altra stringe il manto di sua Madre. Si può dire che non segue lo stile scultoreo della Vergine, anche se lo completa.

L'insieme siede sul Pilar, la colonna di diaspro liscio ricoperta di argento intagliato, che, tranne il 2, il 12 e il 20 di ogni mese, la Vergine della Colonna non copre con un manto.

Alcune curiosità:

Sull'importanza attuale della Basilica

La Basilica di Nostra Signora del Pilar a Saragozza è il monumento più visitato in Spagna negli ultimi anni pre-pandemia. La Basilica del Pilar non è solo la principale attrazione turistica e icona della città di Saragozza, ma anche il primo santuario mariano del mondo e un'importante meta di pellegrinaggio, con milioni di persone che la visitano ogni anno.

È una Basilica e anche una Cattedrale. Saragozza è stata la prima città al mondo ad avere due cattedrali, la prima, dall'inizio del XII secolo quando le truppe di Alfonso il Battagliero conquistarono la città, la seconda, la Basilica del Pilar, nientemeno che dal 1676.

È possibile salire su una delle quattro torri per soli 3€. L'ascensore raggiunge i 63 metri di altezza e permette di godere delle migliori viste panoramiche della città di Saragozza dal punto di vista di una delle quattro torri della Basilica del Pilar. Da qui si può anche contemplare la maestosità del fiume Ebro e dei Pirenei. Inoltre, è possibile accedere alla parte più alta delle torri (circa 80 metri di altezza) dopo aver salito alcuni gradini.

YouTube video

Dalla storia della basilica della Virgen del Pilar

Nell'agosto del 1936, la basilica della Virgen del Pilar a Saragozza fu bombardata. Durante la Guerra Civile spagnola, un aereo repubblicano sganciò quattro bombe: una cadde sull'Ebro, un'altra sulla Plaza del Pilar e due all'interno della chiesa, ma nessuna di esse esplose o causò gravi danni. Due di queste bombe sono esposte sui pilastri della chiesa e il foro a forma di croce lasciato da quella caduta nella piazza è stato riempito di marmo.

Sul valore artistico e culturale della Basilica di Nuestra Señora del Pilar

Goya dipinse la cupola in 44 giorni.

Il primo film spagnolo della storia è stato girato a El Pilar nel 1898.

La Basilica del Pilar è l'unico edificio cristiano al mondo con simbologia taoista. Si tratta di simboli simili a quelli utilizzati nella medicina tradizionale cinese che adornano alcune parti del tempio e che alimentano la teoria dell'influenza taoista a El Pilar. I monaci gesuiti tornarono a Saragozza dopo un periodo di missione in Cina e questa potrebbe essere la loro spiegazione.

Nostra Signora del Pilastro

"In quegli anni affidavo la mia preghiera a una semplice immagine della Vergine del Pilastro, affinché il Signore mi concedesse di comprendere ciò che la mia anima già sentiva. Domina! - le dicevo in termini latini, non proprio classici, ma impreziositi dall'affetto.-Io non sono un uomo, ma mi siedo: Signora, faccia di me ciò che Dio vuole che io sia.

San Josemaría.

Nostra Signora del Pilastro nella vita di San Josemaría

Nell'infanzia di San Josemaría, la devozione a Nostra Signora del Pilastro fu una grande compagna e un sostegno. I suoi genitori, aragonesi di nascita, gli inculcarono questa devozione fin dalla più tenera età. E questa devozione lo accompagnò fino alla fine della sua vita.

Negli ultimi anni della sua vita, era accompagnato da una piccola immagine della Vergine del Pilar, che baciava ogni mattina al risveglio; e nella sua stanza di lavoro, teneva un'altra rappresentazione della Vergine del Pilar a grandezza naturale.

Negli anni che ha trascorso a Saragozza, sia in seminario che per studiare legge, le sue visite alla Vergine erano quotidiane. "Poiché ero buon amico di alcuni dei chierici che si occupavano della basilica, un giorno riuscii a rimanere in chiesa dopo la chiusura delle porte. Mi diressi verso la Madonna, con la complicità di uno di quei bravi sacerdoti, ora deceduto. Salii le poche scale che i bambini conoscono così bene e, avvicinandomi, baciai l'immagine di Nostra Madre. Sapevo che questa non era l'usanza, che il bacio del manto era consentito solo ai bambini e alle autorità (...)

(...)Tuttavia, lo ero, e sono sicuro che la mia Madre del Pilastro era felice che, per una volta, saltassi le usanze consolidate nella sua cattedrale. Continuo a trattarla con amore filiale. Con la stessa fede con cui la invocavo in quei giorni, intorno agli anni Venti, quando il Signore mi faceva intuire cosa si aspettava da me: con la stessa fede la invoco ora (...). Sotto la sua protezione sono sempre felice e sicura". Quella preghiera davanti a Nostra Signora del Pilastro, chiedendole di vedere e di essere ciò che Dio voleva per lui, preparò le fondamenta dell'Opus Dei. L'Opus Dei.

Domina, ut sit! Signora, che sia quello... che tu vuoi

San Josemaría Celebrò la sua prima Messa solenne nella cappella di El Pilar a Saragozza. Quando si trasferì a Madrid e poi a Roma, continuò a visitare la Madonna ogni volta che poteva. L'ultima volta fu il 7 aprile 1970.

Il 23 giugno 1992, dopo la beatificazione recentemente celebrata del Fondatore dell'Opus Dei, l'allora prelato dell'Opera, Signor Álvaro del Portillo ha offerto un manto alla Virgen del Pilar.

In occasione di questa festa, offriamo una preghiera per chiedere la sua intercessione: Beata Vergine della Colonna, prega per il Papa e i vescovi, per i sacerdoti e per tutti i cristiani, affinché possiamo essere degni di raggiungere le promesse di Nostro Signore Gesù Cristo. Amen!

Ai piedi della Vergine

"...Ora comprendiamo il significato profondo del Pilastro. Non è, né è mai stata, un'occasione per uno sterile sentimentalismo: stabilisce un solido fondamento su cui si basa una vera e solida norma di condotta cristiana. Al Pilastro, come a Fatima e a LourdesA Einsiedeln e a Loreto, nel villaggio di Guadalupe e nelle migliaia di altri luoghi che la pietà cristiana ha costruito e continua a costruire per Maria, i figli di Dio vengono educati alla fede.

La storia ci riporta agli inizi apostolici, quando fu ha iniziato l'evangelizzazioneL'annuncio della Buona Novella. Siamo ancora in quel periodo. Per la grandezza e l'eternità di nostro Signore, duemila anni non sono nulla. James, PaoloGiovanni e Andrea e gli altri apostoli camminano con noi. Pietro siede a Roma, con il compito vigile di confermare tutti nell'obbedienza della fede. Chiudendo gli occhi, riviviamo la scena raccontataci, come in una recente lettera, da San Luca: tutti i discepoli, animati dallo stesso spirito, perseveravano insieme nella preghiera, con Maria, la madre di Gesù...".

La Madonna del Pilastro è un segno di forza nella fede, nell'amore e nella speranza. Con Maria, nel Cenacolo, riceviamo lo Spirito Santo. Non abbandonerà la sua Chiesa. La Madonna moltiplicherà sulla terra il numero di cristiani convinti che valga la pena di dare la vita per amore di Dio.

Con la collaborazione di: OpusDei.org

UNA VOCAZIONE 
CHE LASCERÀ IL SEGNO

Aiutare a seminare
il mondo dei sacerdoti
DONA ORA