DONA ORA

Fondazione CARF

22 Maggio, 22

San Giovanni Paolo II e la sua famiglia

Si dice che San Giovanni Paolo II abbia trascorso gran parte della sua vita accompagnato da un ritratto dei suoi genitori e che abbia tenuto questo ritratto vicino a sé il giorno della sua morte, il 2 aprile 2005. Certo, questo tipo di devozione non è comune, perché una fotografia del genere renderebbe alcune persone nostalgiche e tristi. KarolWojtila, invece, ha mantenuto la presenza dei suoi genitori fino alla sua partenza per il cielo, il 2 aprile 2005.

Ecco perché il dettaglio pubblicato durante la prima visita del Papa a Saragozza non mi sorprende. Trascorse la notte tra il 6 e il 7 novembre 1982 nel palazzo arcivescovile, e ci fu chi fu così gentile da mettere il ritratto dei suoi genitori sul suo comodino. Chiunque sia stato, credo che il Signore lo ripagherà alla grande. Mi ricorda il detto di Gesù secondo cui chi dà un bicchiere d'acqua a un bambino non resterà senza ricompensa. Era un dettaglio di tenerezza e, soprattutto, di squisitezza. carità, che continua a sfidarmi.

La madre del Papa

Il suo nome era Emilia Kaczorowska. La sua immagine ha una certa somiglianza con il figlio, con un viso squadrato e massiccio, occhi grandi e un naso sporgente. Figlia di poveri artigiani, la sua fu una vita dolorosa, poiché perse presto la madre. Era una donna dalla fede forte e dalla pietà ardente, con un'inclinazione particolare per la Devozioni mariane. Non è mai stata in buona salute, ma la nascita di suo figlio Carol le ha dato la forza e la gioia di vedere crescere un bambino sano e robusto, in contrasto con una figlia che sei anni prima era morta alla nascita. Emilia aveva trovato in un giovane militare di nome Karol, che sarebbe diventato capitano, il partner ideale. Fu attratta non solo dalle sue buone maniere e dalla sua gentilezza, ma anche dalla sua profonda pietà. Di stanza nella guarnigione della piccola città di Wadowice, il Capitano Wojtyla aveva uno stipendio modesto e conduceva una vita un po' monotona. Trascorreva molte ore lontano da casa, anche se arrivava a casa in tempo per condividere una serena vita familiare cristiana in cui i preghiera e la meditazione, ma anche la lettura della storia e della letteratura della Polonia, la patria che aveva riconquistato l'indipendenza nel 1918. Come ha detto uno dei biografi del Papa, quella casa era una piccola Nazareth.

papa Giovanni Paolo II famiglia 1

El papa san Juan Pablo II con sus padres.

La loro perdita nell'infanzia

All'età di nove anni, il giovane Karol, familiarmente conosciuto come Lolek, assisterà alla morte di sua madre. Ha quarantacinque anni e ha sofferto di nefrite. Suo padre, che aveva cinquant'anni nel 1929, fu costretto a ritirarsi dall'esercito per prendersi cura del figlio piccolo. C'è anche un figlio maggiore, Edmund, 23 anni, che è andato nella vicina Cracovia per studiare medicina. Questo figlio, di stanza in vari ospedaliEdmund farà frequenti visite alla casa di famiglia per trovare suo padre e suo fratello. Tuttavia, nel 1932, all'età di ventisei anni, Edmund morì di scarlattina. L'aveva presa da una donna malata che era stato deciso a cura.

Tale era il suo carattere generoso ed energico, appassionatamente dedito alla sua vocazione di medico.

Sulla strada della sua vocazione

Entrambi i Karol, padre e figlio, rimangono nella casa di Wadowice. Il padre prepara i pasti, si occupa delle pulizie e supervisiona i compiti del bambino. Inoltre, in quella casa si recitano molti rosari, un modo per avvicinarsi alla Madre celeste in assenza di quella terrena. Il figlio frequenta prima una scuola comunale e poi il liceo cittadino. È uno studente eccezionale in molte materie, soprattutto in religione, e sarà anche un portiere di calcio che lavora sodo, conquistando la simpatia dei suoi compagni di classe, tra i quali ci sono molti ebrei. Prima che il La Seconda Guerra MondialeIn città, circa un terzo della popolazione era ebrea. Il giovane Karol sarebbe rimasto impressionato dalla grande cura che gli ebrei mettevano nei loro riti religiosi, che a volte contrastavano con le vuote chiese cristiane e la pietà di routine. Molti anni dopo, visitando la sinagoga di Roma come Papa, avrebbe affermato che "gli ebrei sono i nostri fratelli maggiori nella fede".

Antonio R. Rubio Plo
Laureata in Storia e Giurisprudenza. Scrittrice e analista internazionale.
@blogculturayfe / @arubioplo. Publicado en “Chiesa e nuova evangelizzazione”,

UNA VOCAZIONE 
CHE LASCERÀ IL SEGNO

Aiutare a seminare
il mondo dei sacerdoti
DONA ORA

Articoli correlati