Fondazione CARF

10 Gennaio, 23

Articoli di esperti

Il significato teologico di Benedetto XVI

I canti di "santo subito" sono ancora riecheggiati in Piazza San Pietro durante il suo funerale, il 5 gennaio. Dalla Fondazione CARF desideriamo ricordare Papa Ratzinger e ripercorrere la sua eredità di infinito valore per la sua trascendenza teologica e intellettuale legata alla sua immensa umiltà.

Ricorderemo sempre Papa Benedetto XVI, morto sabato 31 dicembre 2022, per aver incoraggiato tutti i fedeli cattolici a cercare, conoscere e amare Gesù Cristo; per averci insegnato come comportarci e vivere da cristiani in una società pagana, con l'ottimismo e il vigore che derivano dalla speranza di diffondere il Vangelo, motivandoci a trasformarla dall'interno.

Un breve profilo di Benedetto XVI

Il pontificato di Benedetto XVI è durato poco. otto anniTuttavia, le sue riflessioni sulla fede e sulla dottrina sono state trascendentali nella storia della Chiesa. Fedele al suo motto, "collaboratore della verità", l'impulso intellettuale al dialogo tra fede e ragione e la lotta contro gli abusi e le divisioni nella Chiesa sono stati gli standard del suo pontificato. Ha sempre assunto una posizione chiara e fraterna nei confronti di tutte le persone e le posizioni teologiche che si allontanavano dalle verità di fede della Chiesa.

D'altra parte, Benedetto XVI riteneva che fosse necessario agire a favore di un giusto ordine nella società e che il bene comune dovesse essere promosso attraverso l'azione economica, sociale, legislativa, amministrativa e culturale. Le sue tre encicliche sono il culmine del suo grande lavoro teologico in risposta ai problemi del mondo di oggi.

Alcune pietre miliari della sua vita

  • 29 giugno 1951: Joseph Ratzinger è stato ordinato sacerdote insieme a suo fratello Georg, nella Cattedrale di Frisinga.
  • Nel 1953: Dottore in Teologia con la dissertazione Popolo e Casa di Dio nella dottrina della Chiesa di Sant'Agostino.
  • 24 marzo 1977: santo Paolo VI lo nominò Arcivescovo di Monaco e Frisinga. Joseph Ratzinger non aveva ancora 50 anni quando fu nominato arcivescovo, ma era già un teologo noto e rispettato. Quell'appuntamento è stato un punto di svolta inaspettato nella sua vita. Era uno studioso, ricercatore e insegnante di teologia. Ha accettato incarichi governativi per obbedienza e al servizio della Chiesa. Nello stesso anno il Papa lo nominò anche cardinale.
  • 19 aprile 2005: Il Cardinale Joseph Ratzinger è stato eletto come successore di Pietro e presentato al mondo come un Papa Benedetto XVI a 78 anni. Nelle sue prime parole ha ricordato San Giovanni Paolo II e si è definito come un "semplice e umile lavoratore nella vigna del Signore". Seguendo l'esempio del suo predecessore, ha visitato 24 Paesi.
  • 25 dicembre 2005: Pubblica la sua prima enciclica Deus caritas est dedicato all'amore di Dio. Come Papa, parla continuamente della "gioia di essere cristiani".
  • 30 novembre 2007: Pubblica l'enciclica Spe Salvi dove affronta il tema della speranza. Ha anche pubblicato la prima parte della sua opera Gesù di Nazareth, un'importante opera teologica e pastorale, completata nel 2012.
  • 29 giugno 2009: Pubblica la sua ultima enciclica Caritas in veritate sulla giustizia sociale nel 21° secolo. In quest'ultimo caso ha criticato il consumismo e anche l'attuale sistema economico, che è molto lontano dal bene comune.
  • 11 febbraio 2013:  Annunciò le sue dimissioni dal pontificato, generando una rivoluzione culturale e teologica, che avrebbe dato forma alla sua grande eredità per la storia della Chiesa e avrebbe segnato definitivamente il modo in cui i papi avrebbero dovuto concepire i loro pontificati.
  • 31 dicembre 2023: Il Papa Emerito Benedetto XVI muore a Roma all'età di 95 anni. Con lui se ne va l'ultimo dei pontefici coinvolti in prima persona nell'opera del Il Concilio Vaticano II.

"Per me non mancano incontri personali, fraterni e affettuosi con il Papa emerito. Ma questa occasione è importante per riaffermare che il contributo del suo lavoro teologico e, in generale, del suo pensiero continua ad essere fecondo e attivo, non rivolto al passato, ma fecondo per il futuro, per l'attuazione del Concilio e per il dialogo tra la Chiesa e il mondo di oggi. Questi contributi ci offrono una solida base teologica per il cammino della Chiesa: una Chiesa 'vivente', che Lui ci ha insegnato a vedere e vivere come comunione, e che è in movimento - nei 'sinodi' - guidata dallo Spirito del Signore, sempre aperta alla missione di annunciare il Vangelo e servire il mondo in cui vive".
Papa Francesco, durante la cerimonia di consegna del Premio Ratzinger 2022.

Benedetto XVI: un grande papa teologo

Il contributo del lavoro e del pensiero teologico di Benedetto XVI al cristianesimo e all'umanità è già oggi prolifico ed efficace. Una delle sue preoccupazioni era quella di rispondere ai problemi attuali attraverso la riflessione e l'interpretazione delle Sacre Scritture.

Joseph Ratzinger ha lavorato per molti anni a stretto contatto con San Giovanni Paolo IIche lo ha nominato prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede nel novembre 1981, dove si è fatto conoscere come teologo, ispirando la Chiesa per 31 anni.

Fu un testimone diretto della crisi post-conciliare, della messa in discussione delle verità essenziali della fede e della sperimentazione in campo liturgico. Già nel 1966, un anno dopo la fine dell'era del Concilio Vaticano II, ha detto di aver visto l'avanzata del "cristianesimo a prezzo ridotto".

Così, il Papa teologo è riuscito ad esprimere con grande forza argomentativa e, allo stesso tempo, con grande unzione spirituale ciò che è al centro della fede cristiana e della missione della Chiesa. Di fronte agli scandali ecclesiastici, Benedetto XVI ha invitato alla conversione, alla penitenza e all'umiltà. Nel settembre 2011 ha invitato la Chiesa ad essere meno mondana: "Gli esempi storici mostrano che la testimonianza missionaria della Chiesa distaccata dal mondo è più chiara. Liberata dai pesi e dai privilegi materiali e politici, la Chiesa può dedicarsi meglio e in modo veramente cristiano al mondo intero; può essere veramente aperta al mondo...".

Gesù Cristo: nucleo centrale della teologia di Joseph Ratzinger

La sua eredità come teologo e pastore, i cui elementi principali è bene ricordare in questo momento e dove si riunisce il lavoro di una vita, si concentra sulla figura di Cristo.

Gesù Cristo presente nelle Scritture e nella liturgia, e la sua relazione con la Chiesa e con la Chiesa. Mariaè il nucleo centrale della sua teologia. In Gesù Cristo, Dio stesso si è reso visibile e ha mostrato il Suo amore salvifico all'umanità. Sottolinea che questa rivelazione di Dio non è un mero fatto del passato, ma un potere divino di oggi e per il futuro, accessibile nella Chiesa dei santi, abilitati come testimoni della risurrezione attraverso lo Spirito Santo.

Tra i pilastri teologici e ontologici del suo pensiero c'è anche la persona e il significato che per lei hanno l'amore, la verità, la bellezza e la speranza, temi che si riflettono nelle sue encicliche.

Per la proclamazione del messaggio cristiano, Benedetto XVI ha insistito sia sulla fede che sulla ragione; e dalla relazione tra i due possiamo vedere la sua concezione della teologia, della catechesi e della predicazione. Infine, per quanto riguarda la missione, sono interessanti le sue dichiarazioni sul ministero e sulla predicazione. Eucaristia (con importanti conseguenze per la teologia ecumenica), la creazione, le religioni e il rapporto con la Chiesa.

papa benedetto xvi

Benedetto XVI: umiltà e servizio alla Chiesa

Benedetto XVI è stato uno dei grandi teologi del XX e XXI secolo; un intellettuale che ha cercato per tutta la vita, attraverso lo studio della teologia, la ricerca e l'insegnamento, il volto di Dio. Allo stesso tempo, era un uomo semplice, molto cordiale e gentile, persino timido, che mise la sua vita a totale disposizione e al servizio della Chiesa.

Quando è stato eletto Papa nel 2005 con il nome di Benedetto XVI, ha commentato in un'intervista che durante il conclave ha pregato "il Signore di scegliere qualcuno più forte di me, ma in quella preghiera evidentemente non mi ha ascoltato". Il nome non era una coincidenza, lo scelse in onore di Benedetto XV e Benedetto da Nursia, rispettivamente il Papa della Pace e l'iniziatore della vita monastica in Occidente.

Dimissioni dal pontificato

Una delle azioni più sorprendenti e umilianti di Benedetto XVI, nonché una dimostrazione del suo coraggio, sono state le sue dimissioni da Papa. Fu un evento storico nella vita della Chiesa. Solo nel 1294, settecento anni prima, Celestino V aveva rassegnato le dimissioni dal papato. Il fatto è che fino ad allora nessuno pensava che il vescovo di Roma avesse un limite di età. Papa Benedetto XVI ha rotto con una tradizione secolare e lo ha fatto in modo ponderato e ragionato.

È per tutti questi motivi che la figura di Benedetto XVI, come Papa, teologo, già prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, è e sarà di particolare importanza per la storia della Chiesa. Ebbe un'influenza significativa su Francesco I e influenzerà anche i papati successivi. I suoi contributi interpretativi al Concilio Vaticano II hanno definito alcune linee della Chiesa cattolica, così come le decine di opere di straordinario valore teologico e metafisico che ha scritto. La sua eredità rimarrà oltre e raggiungerà altezze che ora è difficile apprezzare nella loro piena misura.

Bibliografia

- Joseph Ratzinger - Benedetto XVI. Una vita nella continuità del pensiero e della fede, Hansjürgen Verweyen.
- Il Papa teologo, Jean-Heiner Tück.
- La teologia di Joseph Ratzinger, White P.

Condividere il sorriso di Dio sulla terra.

Assegniamo la sua donazione a un sacerdote, seminarista o religioso diocesano specifico, in modo che lei possa conoscere la sua storia e pregare per lui con nome e cognome.
DONA ORA
DONA ORA