DONA ORA

Fondazione CARF

24 Febbraio, 21

I seminaristi di tutto il mondo cantano al Signore: "Siamo il popolo che ti ama".

Nel bel mezzo della crisi pandemica, i seminaristi del Collegio Ecclesiastico Internazionale Sedes Sapientiae hanno voluto unire le loro voci in un canto di lode al Signore. La canzone scelta "Somos el Pueblo que te ama", composta da Junior Cabrera, direttore del gruppo cattolico Alfareros, è stata cantata in più di 13 lingue diverse dai seminaristi. Jacobo Lama, promotore di questa iniziativa, ci racconta come è nata questa idea.

Nel bel mezzo della crisi pandemica, i seminaristi del Collegio Ecclesiastico Internazionale Sedes Sapientiae volevano unire le loro voci in un canto di lode al Signore. La canzone scelta "Somos el Pueblo que te ama", composta da Junior Cabrera, direttore del gruppo cattolico Alfareros, è stata cantata in più di 13 lingue diverse dai seminaristi. Jacobo Lama, promotore di questa iniziativa, ci racconta come è nata questa idea.

Jacobo Lama, promotore dell'iniziativa

Jacobo Lama è un seminarista di Santo Domingo (Repubblica Dominicana) che compirà 32 anni il prossimo aprile. Presto sarà ordinato diacono. Dopo aver studiato teologia per tre anni presso la Pontificia Università della Santa Croce a Roma, ora si trova a Santo Domingo, lavorando con l'arcivescovo in curia e anche con il parroco di una parrocchia in periferia.

Il suo vescovo Francisco Ozoria AcostaÈ stato l'arcivescovo di Santo Domingo a mandarlo a studiare a Roma e poi a richiamarlo nel suo Paese lo scorso luglio. Santo Domingo è stata la prima diocesi d'America; pertanto, il vescovo è anche il Primate d'America.

"Dio mi ha dato il dono della musica".

Ma la grande passione di Jacobo Lama è la canzone. "Dio mi ha dato il dono della musica e del canto. Ho imparato a suonare il pianoforte e la chitarra, e questo mi ha portato a far parte del coro fino a diventare direttore, e poi anche leader dei gruppi giovanili", racconta.

Il suo amore per la musica è ciò che lo ha spinto a comporre un bellissimo videoclip prima di tornare nel suo Paese. Per dare speranza in tempi di coronavirus, i seminaristi del Collegio Ecclesiastico Internazionale Sedes Sapientiae hanno voluto unire le loro voci in un canto di lode al Signore, magnificando il Suo nome da Oriente a Occidente, tra tutte le nazioni, come dice il profeta (cfr. Malachia 1, 11).

Il Coro del Seminario

Nell'atmosfera di studio e formazione, ma anche di famiglia di Sedes Sapientiae, con un calendario fisso di lavoro, incarichi e momenti dedicati alla preghiera, che dà il tono ogni giorno, è nata una nuova idea. Con il desiderio di sfruttare al meglio il tempo, Il coro del Seminario, insieme ad altri seminaristi e sacerdoti, ha pensato di registrare una canzone che portasse un messaggio di speranza e consolazione e allo stesso tempo fosse una lode a Dio.

"Dio mi ha dato il dono della musica e del canto, che voglio mettere al servizio dell'evangelizzazione".

Seminaristi di Sedes Sapientiae.

"Le persone che ti amano" è il video cantato in 13 lingue, dai seminaristi del Collegio Ecclesiastico Internazionale Sedes Sapientiae, che è stato pubblicato sul canale YouTube di Alfareros, un gruppo cattolico dell'America Latina che ha appena celebrato 25 anni di servizio all'evangelizzazione.

In merito a questa iniziativa, i seminaristi si esprimono come segue: "Con questo canto di molti cuori che pregano e cantano al Signore nel cuore di Roma e della Chiesa, cerchiamo di abbandonarci nelle mani del Signore affinché, con la Sua grazia, queste circostanze umanamente difficili possano significare, per ciascuno di noi, una crescita interiore nella fede, nella speranza e nella carità".

Con il gruppo Alfareros

Fu allora che alcuni studenti latinoamericani proposero l'idea di registrare la canzone in diverse lingue. Le persone che la amano del gruppo Alfareros, un gruppo cattolico che l'anno scorso ha celebrato 25 anni di servizio a Dio attraverso la musica.

Il direttore del gruppo, Junior Cabrera, ha accettato volontariamente di collaborare a questa iniziativa, fornendo il materiale necessario. Questa versione è stata registrata in più di 13 lingue diverse, come spagnolo, inglese, francese, portoghese e italiano. Anche il galiziano, il croato, il vietnamita, il malayalam, il filippino, l'arabo, lo swahili e persino la lingua indigena zapoteca.

Crescita interiore della speranza

"Con questo canto di molti cuori che pregano e cantano al Signore nel cuore di Roma e della Chiesa, cerchiamo di abbandonarci nelle mani del Signore affinché, con la Sua grazia, queste circostanze umanamente difficili possano significare, per ciascuno di noi, una crescita interiore nella fede, nella speranza e nella carità", hanno affermato i seminaristi.

Il video ha già quasi 6.000 visualizzazioni. Vedere può vedere qui.

Questi sono i seminaristi che hanno partecipato al video clip: Sem. Laerth Ferreira - Brasile, fr. Domingos Jorge - Angola, Dcn. Kingsley Omenyi - Nigeria, Don Pablo Gefaell - Spagna, Shr. Jacobo Lama - Repubblica Dominicana, Shr. Alejandro Rangel - Venezuela, fr. Ítalo Alcívar - Ecuador, fr. Lonnys Lares - Venezuela, fr. Quân Nguyên - Vietnam, P. Jeril Jose - India, P. Jershom Colico - Filippine, P. Jeril Jose - India, P. Jershom Colico - Filippine. Dean Spiller - Sudafrica, fr. Emmanuel Marfo - Ghana, fr. Banele Ndlovu - Sudafrica, Sem. Mark Tipoi - Sud Sudan, Sem. Juan Maldonado - Messico, Dáil Michael Lusato - Tanzania, Sem. Patrick Anasenchor - Ghana, p. Francisco Vinumo - Angola, p. Patrick Anasenchor - Ghana, p. Francisco Vinumo - Angola, p. Francisco Vinumo - Angola. Brandon de León - Guatemala

"Il mio più grande successo".

Questa iniziativa musicale ha incoraggiato Jacobo Lama a registrare un'altra canzone: "Mi mayor acierto", composta 20 anni fa da un altro sacerdote per la giornata vocazionale tenutasi a Santo Domingo. I testi raccontano la storia di una vocazione che si distacca da tutto e dice sì al Signore. "Questa canzone sta raggiungendo molte persone, tocca i cuori e fa riflettere su ciò che Dio vuole da lei", spiega Jacobo.

Il video clip può essere ascoltato qui: 

"A San Domenico il numero di battezzati è cresciuto, ma le vocazioni al sacerdozio o alla vita religiosa sono diminuite".

Jacobo Lama con la sorella Suor María Lucía.

Per Jacobo Lama, la GMG di Madrid del 2011 con Papa Benedetto XVI è stata un prima e un dopo. "Dopo la GMG non ero più lo stesso. La mia impressione sulla Chiesa cambiò radicalmente. Ho iniziato ad andare a Messa tutti i giorni dopo il lavoro", racconta. Nel gruppo di giovani c'era una ragazza che in seguito divenne carmelitana. Nella foto è con la sua cara sorella Suor Maria Lucia, mentre celebra la festa di Santa Teresa di Gesù Bambino. "Preghiamo per le vocazioni", incoraggia.

Le preoccupazioni della Repubblica Dominicana

Il Repubblica Dominicana è l'economia in più rapida crescita dell'America Latina. I suoi vicini di Haiti, invece, sono i più poveri. "Le radici della nostra patria sono radicate nella cultura spagnola, con una forte influenza cattolica", dice Jacobo.

Le preoccupazioni della sua nazione non sono molto lontane da quelle del mondo occidentale: l'individualismo e la secolarizzazione, così come il declino dei giovani nelle pratiche di pietà.

"Il numero di battezzati è aumentato, ma le vocazioni al sacerdozio e alla vita religiosa sono diminuite", afferma. Il seminario di Santo Domingo aveva un totale di 161 seminaristi nel 2016 e nel 2020 solo 64. Inoltre, con la pandemia, molti fedeli hanno smesso di frequentare la messa e la seguono dalle loro case.

L'unico Paese che ha protetto il diritto alla vita

Un'altra sfida per la Chiesa dominicana è quella di fornire le ragioni per cui le leggi sull'aborto non dovrebbero essere legalizzate, dal momento che è uno dei pochi Paesi dell'America Latina (insieme a El Salvador, Nicaragua e Honduras) in cui l'aborto è vietato in qualsiasi circostanza.

L'unica Costituzione che stabilisce in forma blindata il diritto alla vita dal concepimento alla morte è la Costituzione dominicana, all'articolo 37.

"La Chiesa cattolica è molto ascoltata nel nostro Paese. All'interno del governo ci sono molti cristiani che tengono conto della loro fede nelle loro politiche. Per esempio, il Presidente della Repubblica Dominicana, Luis Abinader, è cattolico", afferma.

Al servizio del suo Paese

Tuttavia, 57% della popolazione è cattolica, 23% protestante, 25% cristiana evangelica e 12% si dichiara senza religione.

Jacobo Lama è tornato nel suo Paese con una formazione integrale fornita a Roma, grazie alla generosità di molti benefattori. Ora metterà tutte le sue conoscenze al servizio dell'evangelizzazione nella Repubblica Dominicana.

UNA VOCAZIONE 
CHE LASCERÀ IL SEGNO

Aiutare a seminare
il mondo dei sacerdoti
DONA ORA