Fondazione CARF

1 febbraio, 23

Blog

Conoscere i diversi vasi sacri e gli oggetti liturgici.

Quando parliamo di vasi sacri, ci riferiamo agli oggetti liturgici necessari per la celebrazione della Santa Messa, che sono anche responsabili della corretta conservazione del corpo di Cristo. Le illustriamo tutti gli elementi contenuti nel Caso del Vaso Sacro della Fondazione CARF (ora zaino).

Oggetti liturgici: cosa sono i vasi sacri?

Gli oggetti liturgici divennero sempre più importanti fin dai primi secoli del Cristianesimo. Molti di essi sono stati concepiti come reliquie, come la Santo Graal e Lignun Crucis. La presenza di vasi sacri nel Medioevo è evidente non solo dagli oggetti sopravvissuti fino ai giorni nostri, ma anche dalle numerose fonti documentarie: inventari ecclesiastici che registrano l'acquisizione o la donazione di determinati oggetti liturgici, tra cui i vasi sacri.

Al giorno d'oggi, i vasi sacri sono chiamati gli utensili del culto liturgico che si trovano nella contatto diretto con l'Eucaristia. Essendo sacri, vengono utilizzati solo per questo scopo e devono essere benedetti dal vescovo o da un sacerdote.

Inoltre, devono avere la dignità necessaria per celebrare la Santa Messa. Secondo la Conferenza Episcopale Spagnola, devono essere realizzati in metallo nobile o in altri materiali solidi, infrangibili e incorruttibili, considerati nobili in ogni luogo.

Il patena e calice sono i vasi sacri più importanti dall'inizio del cristianesimo. Contengono il pane e il vino da consacrare durante la Santa Messa. Con il passare del tempo e le esigenze del culto eucaristico e dei fedeli, sono apparsi altri vasi sacri, come il ciborio o la pisside e l'ostensorio, oltre ad altri accessori.

Dopo la celebrazione dei sacramenti, il sacerdote pulisce e purifica gli oggetti liturgici che ha utilizzato, poiché devono essere tutti puliti e ben conservati.

Perché i vasi sacri sono importanti per un sacerdote?

Avere tutti gli elementi necessari per impartire i sacramenti e celebrare la Santa Messa è indispensabile per un sacerdote.

Ecco perché il Patronato di Acción Social (PAS) della Fondazione CARF fornisce ogni anno più di 60 casse di vasi sacri completo per diaconi e sacerdoti di tutto il mondo che studiano a Pamplona e a Roma. Lo zaino attuale contiene tutto il necessario per celebrare la Santa Messa con dignità in qualsiasi luogo, senza bisogno di un'installazione precedente.

Il Valigetta del Vaso Sacro della Fondazione CARF permette ai giovani sacerdoti senza risorse di amministrare i sacramenti dove sono più necessari. In questo momento, non è solo il sacerdote che sta davanti a loro, ma anche tutti i benefattori che renderanno possibile l'esercizio del loro ministero con un'adeguata dignità materiale.

Quali oggetti liturgici sono vasi sacri?

I vasi sacri primario sono quelli che, precedentemente consacrati, sono stati destinati a contenere la Santa Eucaristia. Come il calice, patena, pisside, ostensorio e tabernacolo.

In contrasto con i vasi sacri secondario, che non hanno alcun contatto con l'Eucaristia, ma che sono destinati al culto divino, come ad esempio il ampolle, acetre, issopo, incensiere, campana, albi e il candeliere.tra gli altri.

vasi sacri

Calice

Dal latino calix che significa tazza per bere. Il calice è il vaso sacro per eccellenza. Utilizzata da Gesù e dagli Apostoli durante l'Ultima Cena, era probabilmente una coppa di kiddush (vasellame rituale ebraico per la celebrazione della Pasqua), essendo all'epoca una ciotola in pietra semipreziosa.

I primi decreti ufficiali conosciuti dei sinodi risalgono all'XI secolo, vietano già espressamente l'uso di vetro, legno, corno e rame, perché è facilmente ossidabile. Lo stagno è tollerato e si consigliano invece i metalli nobili.

La forma dei calici antichi era più simile a una coppa o a un'anfora, spesso con due manici per facilitare la manipolazione. Questo tipo di calice è stato utilizzato fino al XII secolo. Da quel secolo in poi, quasi tutti i calici, senza manici, si distinguono per la larghezza del calice e per una maggiore separazione tra il calice e il piede, che forma il gambo del calice con il nodo, a metà altezza.

vasi sacri

Paten

Deriva dal greco phatne che significa piatto. Si riferisce al vassoio o piattino poco profondo e leggermente concavo su cui viene posto il pane consacrato nell'Eucaristia. La patena è entrata nell'uso liturgico contemporaneamente al calice e deve essere dorata sul lato concavo. È importante che permetta di raccogliere facilmente le particelle sul corpo.

I resoconti dell'Ultima Cena menzionano il piatto con il pane che Gesù aveva davanti a sé sulla tavola (Mt 26:23; Mc 14:20). Per quanto riguarda il materiale della patena, ha seguito la stessa evoluzione del calice.

vasi sacri

Accessori per calice e patena

  • Depuratore: un pezzo di lino bianco, che si distingue dagli altri panni per le sue dimensioni più piccole e per una croce rossa o bianca ricamata al centro. Per il Massa è collocato appena sopra il calice, perché viene utilizzato per purificare l'interno del calice strofinandolo prima di versarvi il vino. Dopo aver versato il vino, le gocce che possono essere rimaste sui bordi vengono eliminate con esso.
  • Palia / hijuela / cubrecáliz: Un quadrato di stoffa inamidata che copre il calice mentre si trova sull'altare. Impedisce alle particelle estranee di cadere nel calice e viene rimosso solo al momento della Consacrazione.
  • Velo del calice: copre il calice preparato per la Messa. Viene indossato fino all'offertorio, quando il calice viene preparato per la consacrazione. È dello stesso colore liturgico dei paramenti e viene accompagnata da un sacchetto per il corporale che viene posto sopra.
  • Caporale: Un pezzo di stoffa quadrato su cui vengono posti il calice, la patena e la pisside. Su di esso si trova anche l'ostensorio per l'esposizione del Santissimo Sacramento. Deve essere realizzato in lino o canapa e non in altri tessuti. Potrebbe avere una croce intrecciata.

vasi sacri

Coppa

La conservazione del Eucaristia dopo la Messa è un'usanza che risale ai primi tempi del cristianesimo. ciborio.

Nell'antichità, i fedeli a volte conservavano l'Eucaristia, con squisita cura, nelle proprie case. San Cipriano parla di una piccola cassa o arca che veniva tenuta in casa a questo scopo (De lapsis, 26: PL 4.501). Naturalmente, veniva conservato anche nelle chiese. Avevano uno spazio chiamato secretarium o sacrario, in cui c'era una specie di armadio (conditorium) dove era conservata la cassa eucaristica. Questi conditorium erano i primi tabernacoli. Di solito erano realizzati in legno duro, avorio o metallo nobile e si chiamavano píxides -con un coperchio piatto e incernierato o un coperchio conico a forma di torretta con un piede.

Nel tardo Medioevo, la possibilità di ricevere la comunione al di fuori della Messa divenne popolare, richiedendo un formato più grande ed evolvendosi nell'attuale ciborio: una grande coppa utilizzata per distribuire la comunione ai fedeli e poi per conservarla al fine di preservare il corpo eucaristico di Cristo. Quando viene conservato nel tabernacolo, è coperto da un velo circolare chiamato conopeo, che è anche il nome dato al velo che copre il tabernacolo con il colore del periodo liturgico.

Nei luoghi in cui la Santa Comunione viene portata in modo solenne ai malati, si usa una piccola pisside dello stesso stile. La piccola pisside utilizzata è dello stesso materiale del ciborio. Deve essere dorata all'interno, la parte inferiore deve avere un leggero rialzo al centro e deve essere benedetta dalla forma del ciborio. Benedictio tabernaculi (Rit. Rom., tit. VIII, XXIII). Si chiama anche teak o portaviático e di solito è una scatola rotonda realizzata con materiali pregiati.

vasi sacri

Custodia o ostensorio

L'ostensorio è un'urna incorniciata in vetro, nella quale il Santissimo Sacramento è esposto pubblicamente. Può essere realizzato in oro, argento, ottone o rame dorato. La forma più adatta è quella del sole, che emette i suoi raggi ovunque. Il lunetta (manly o lunula) è il contenitore al centro dell'ostensorio, realizzato con lo stesso materiale.

La lunetta, a condizione che contenga il Santissimo Sacramento, può essere collocata nel tabernacolo all'interno di un ostensorio. Se il tabernacolo ha spazio sufficiente per contenere l'ostensorio, allora deve essere coperto con un velo di seta bianca. Viene anche utilizzato per le processioni all'esterno della Chiesa in occasioni speciali, come ad esempio la festa di San Paolo. Festa del Corpus Domini.

Tutti questi vasi devono essere realizzati in oro, argento o altro materiale, ma dorati all'interno, lisci e lucidi, e possono essere sormontati da una croce.

vasi sacri

Vigneto

Le ampolle sono due vasetti piccoli dove l'acqua e il vino necessari per celebrare la festa del Santa Messa. Il sacerdote mescola il vino con un po' d'acqua e, per questo, ha un cucchiaio complementare. Di solito sono in vetro, in modo che il sacerdote possa identificare l'acqua nel vino, e anche perché sono più facili da pulire. Tuttavia, è possibile trovare anche ampolle in bronzo, argento o peltro.

Acetre

Si tratta di un calderone in cui viene posta l'acqua santa e che viene utilizzato per la aspersioni liturgiche. Tutta l'acqua raccolta dal setaccio viene dispersa con il tampone.

Issopo

Utensile con cui un spruzza l'acqua santaconsiste in un manico con un gruppo di setole o una sfera metallica cava e perforata all'estremità per contenere l'acqua. Viene utilizzato insieme all'acetato.

Incensiere e incenso

L'incensiere è un piccolo braciere di metallo sospeso in aria e tenuto da catene, che viene utilizzato per bruciare l'incenso. L'incenso viene utilizzato per manifestare il culto e simboleggia la preghiera che sale a Dio.

Campanellino

Si tratta di un piccolo utensile a forma di tazza rovesciata con un batacchio all'interno, che viene utilizzato per tenere il batacchio. usato per invitare alla preghiera durante la consacrazione. La campana viene utilizzata per attirare l'attenzione e anche per esprimere un sentimento di gioia. Ci sono campane a campana singola e campane a campana multipla.

Candeliere

Si tratta di un supporto dove viene posizionata la candela che viene utilizzato nella liturgia come simbolo di Cristo, che è la Luce che guida tutti.

"La donna che, nella casa di Simone il lebbroso a Betania, unge il capo del Maestro con un ricco profumo, ci ricorda il nostro dovere di essere splendidi nell'adorazione di Dio.
-Tutto il lusso, la maestosità e la bellezza mi sembrano troppo pochi.
-E contro coloro che attaccano la ricchezza dei vasi sacri, degli ornamenti e delle pale d'altare, si sente la lode di Gesù: opus enim bonum operata est in me -Ha fatto una buona azione per me.

San Josemaría
Strada, punto 527.

Bibliografia

- Augustin Joseph Schulte. "Vasi da altare", L'Enciclopedia Cattolica.
- Sacrosanctum Concilium n. 122-123; CIC cc. 939, 941, 1220 §2.
- Istruzione Generale del Messale Romano (2002).
- Istruzione Redemptionis Sacramentum (2004) 117-120.

Condividere il sorriso di Dio sulla terra.

Assegniamo la sua donazione a un sacerdote, seminarista o religioso diocesano specifico, in modo che lei possa conoscere la sua storia e pregare per lui con nome e cognome.
DONA ORA
DONA ORA